Mer. Mag 12th, 2021

“Sede locale ridicola, mandino almeno 5 giornalisti”

“La Rai, Radiotelevisione Italiana, ha sempre boicottato la città e la provincia di Reggio Calabria fin dalla sua fondazione. Quando scelsero la sede a Cosenza lo fecero su diktat dei vari massoni locali, che non volevano la Rai a Reggio e che ne volevano la morte mediatica. Reggio Calabria è il cuore delle eccellenze calabresi e non ne parlano mai. Non solo: il magistrato Roberto Di Palma, a cui feci qualche anno fa un’intervista, segnalava l’importanza di avere qui una sede agguerrita di cronisti specializzati per contrastare il crimine organizzato. E loro cosa fanno? A Cosenza hanno 150 giornalisti per contrastare la potentissima mafia cosentina (sic!). È qui che avremmo bisogno di una sede stabile per raccontare la bellezza della città e arruolare cronisti impegnati sul territorio, invece mandano gli stagisti”. Lo ha dichiarato il massmediologo e candidato sindaco a Reggio Calabria Klaus Davi, che poi ha aggiunto: “Penso che la copertura della Rai sulla Calabria e in particolare sulla città di Reggio sia ridicola, penosa, vergognosa. Se c’è un responsabile dell’oscuramento di Reggio, delle sue bellezze e di quello che potrebbe offrire al mondo, questa è la Rai. Invece di spedire gli stagisti dovrebbero assumere almeno cinque giornalisti in pianta stabile e aprire una sede decente. Ma non vogliono. La politica non lo vuole, ma non solo la politica… Perché dell’assenza della Rai si avvantaggia pure il malaffare locale”.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.