I RIFIUTI? GIÙ DALL’AUTO, NELLE GALLERIE DELLA STATALE 106

195

Alcuni sacchetti rimangono in bilico sui cordoli, gravi rischi per la circolazione

Il conferimento in discarica dei rifiuti è stato e continua ad essere problematico nei comuni locridei. Negli ultimi periodi da più parti si sono sollevate proteste, che hanno coinvolto molti amministratori locali che, nonostante gli sforzi e le richieste di pazientare per via delle difficoltà oggettive di conferimento che si sono avute, hanno portato alla creazione di vere e proprie discariche in posti generalmente posti nelle periferie dei paesi.

A questi “incivili”, che spesso hanno anche appiccato il fuoco all’immondizia, con grave danno alla salute pubblica per via delle esalazioni, si aggiungono alcuni che potremmo definire “originali”, seppur sempre di incivili si parla. È il caso di quelle persone che hanno pensato bene di liberarsi dei sacchi della spazzatura all’interno delle gallerie della vecchia e nuova Statale 106, quest’ultima altrimenti ribattezzata “Route 106” in un’indagine della Procura antimafia reggina, che guarda caso riguardava proprio la costruzione di alcuni tratti della variante che, al momento, va da Locri a Roccella-Caulonia.

Passando da queste strade, incredibilmente, si trovano buste e sacchi di rifiuti “abilmente” posizionati sopra i cordoli delle gallerie, e viene da pensare con quanta abilità l’incivile di turno sia riuscito a centrare il cordolo in questione. Buste e sacchi neri o multicolor che siano, sono comunque un pericolo per gli automobilisti che attraversano quelle strade e che potrebbero ritrovarsi davanti, in mezzo alla carreggiata, uno di quei rifiuti, con il rischio di provocare un incidente stradale, potenzialmente in grado di danneggiare l’autovettura o di avere ben più gravi conseguenze, specie in prossimità dell’arrivo delle piogge, che potrebbe spostare l’immondizia dai cordoli alla carreggiata.

Sarebbe forse il caso di monitorare meglio le strade e controllare gli interni delle gallerie, per evitare che prima o poi ci scappi il morto.

FONTE GAZZETTA DEL SUD

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.