ROSARNO, LEGA E FDI CHIEDONO UN CONSIGLIO STRAORDINARIO SULL’EMERGENZA RIFIUTI

114
I consiglieri di centrodestra vogliono vederci chiaro sul nuovo affidamento del servizio
 

Il gruppo consiliare di minoranza di Fratelli d’Italia, consiglieri Liliana D’Agostino e Mimmo Scriva, e della Lega, Giacomo Saccomanno, Giusy Zungri, Alex Gioffrè e Enzo Cusato, hanno chiesto al Presidente del Consiglio Comunale, Stefano Iannaci, la convocazione urgente del Consiglio Comunale per affrontare l’annoso problema dei rifiuti.

 

Gli stessi hanno premesso che, la situazione rifiuti, che ha e sta vessando l’intera cittadinanza da oltre 4 anni, ha assunto negli ultimi giorni risvolti inspiegabili e non giustificabili e che, dopo diverse gare andate deserte e l’aumento dei costi, si era giunti, dopo l’incendio dei mezzi della Camassa, all’affidamento del servizio a Locride Ambiente per 5 anni e con un costo complessivo di circa 6 milioni di euro. Rimarcano i consiglieri di minoranza che, a distanza di meno di due mesi da tale affidamento il Comune ha risolto il rapporto con motivazioni che, certamente, erano superabili e che, comunque, la posizione della Locride Ambiente sembra rassegnata ad accettare tale possibile forzatura, come se questa, dopo l’assegnazione, volesse liberarsi di un fardello così “pesante”, tanto che, nei comunicati ufficiali, non ha mai parlato di tutele o altro. Evidenziano, ancora, che, all’improvviso è stata trovata, molto celermente, altra società che non ha mai partecipato alle gare bandite dal Comune ed ha accettato un affidamento provvisorio molto oneroso per la raccolta porta a porta e che, ancora, nelle prime giornate, però il servizio non ha funzionato a dovere, tanto che ci sono ancora delle discariche a cielo aperto e molti sacchetti della spazzatura sono rimasti dinnanzi alle abitazioni dei cittadini. Puntualizzano, ulteriormente, che, su tale importante problematica il Consiglio Comunale non è stato mai interessato, con violazione del TU degli enti locali e con violazione della normativa vigente, oltre che con un evidente esautoramento di fatto delle prerogative di tale assemblea e che, pertanto, per ripristinare la legalità ed a tutela dell’intera comunità un argomento così rilevante deve essere valutato e discusso in tale sede. In conclusione, sulle indicate specificazioni, hanno rimarcato che, appare più che necessario che venga fissata una indispensabile riunione con la presenza personale e diretta dei consiglieri, essendo possibile, in questa fase, operare tale incontro, con il rispetto delle limitazioni per il coronavirus. Per tali ragioni hanno chiesto, espressamente, al Presidente del Consiglio Comunale, Stefano Iannaci, di voler convocare con urgenza, presso l’aula delle assemblee “Mario Battaglini”, con urgenza e senza perdite di tempo, un Consiglio Comunale, aperto anche ai cittadini se possibile, per discutere della problematica dei rifiuti e per assumere tutti quei provvedimenti ritenuti necessari.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.