Lun. Mag 10th, 2021
L’ex Fc Messina si allena già con mister Galati

Anche se successivamente la società potrà correre ai ripari “pescando” tra gli svincolati, per il Roccella, in tema di mercato e composizione di un organico in grado di affrontare come si deve, e non con l’acqua alla gola come spesso è successo, il difficile campionato di serie D, i prossimi 5-6 giorni, a partire da oggi saranno decisivi.

Nonostante le risorse finanziarie non siano in questo periodo particolarmente fiorenti a causa dei tanti debiti che la nuova società ha dovuto estinguere negli ultimi 14 mesi a seguito dei disastri non solo economici lasciati in eredità dal precedente gruppo, sia l’allenatore Franco Galati, sia il ds Francesco Curtale, da perfetti trapezisti senza rete, stanno cercando di allestire un team in grado di affrontare il torneo di quarta serie col piglio giusto sin dalle prime giornate.

Le prime amichevoli giocate dal Roccella contro squadre di categorie inferiori, infatti, anche se i giocatori amaranto stanno ancora affrontando, in tema di carichi e duri allenamenti con due sedute al giorno, una fase “pesante” della preparazione, hanno chiaramente fatto capire che la squadra è ancora, sotto tutti i profili, un tantino “povera” sul piano qualitativo e della personalità nelle cosiddette zone nevralgiche del campo. Anche in fase di possesso le geometrie del gioco hanno finora lasciato spesso a desiderare. Per aggiustare adeguatamente i reparti (difesa, centrocampo, corsia sinistra e attacco) e compiere così un primo salto di qualità servono non meno di 4-5 rinforzi di spessore. Giocatori, insomma, di categoria – i cosiddetti “over” – in grado di far alzare, soprattutto sul piano tattico e organizzativo all’interno del rettangolo di gioco, l’asticella della qualità e della quantità senza, quindi, correre il rischio, a fine mese, di iniziare il torneo già zoppicando.

Al di là di ciò, comunque, il team amaranto, grazie sempre al lavoro svolto dietro le quinte e in un mercato sempre più difficile, dal tecnico Galati e dal ds Curtale, può già contare su due giovani fuoriquota di spessore come il centrocampista, ex Ternana, Matteo Cappellini e l’attaccante napoletano, Ciro Di Franco, entrambi classe 2001, e sul recente arrivo in casa roccellese del “tuttofare” e bravo Cosimo Pagano, classe 1998, ex Catanzaro, Lanusei e Agropoli.

La riconferma poi, in difesa, dell’esperto centrale Andrea Coluccio e del dinamico e scaltro centrocampista, Francesco Suraci, classe 2001, consentirà inoltre al Roccella di avere altri due giocatori di categoria e su cui l’allenatore potrà fare pieno affidamento.

Un altro tassello importante, nella zona offensiva, potrà essere, visto che già si allena da oltre due settimane, il folletto attaccante, ex Primavera del Sassuolo, Virtus Carpaneto ed FC Messina, Alessandro Carrozza, classe 2000, roccellese doc.

ANTONELLO LUPIS (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.