SERIE D | IL ROCCELLA HA POCO TEMPO PER COMPLETARE L’ORGANICO

104
Poi toccherà a Galati centrare l’ennesima salvezza
Tutti i reparti vanno puntellati per avere qualche chance nella settima stagione consecutiva in D

Costruire un team, anche se i tempi a disposizione sono diventati molto brevi, in grado di giocarsi le chance di salvezza sin dalla prima giornata di campionato prevista – salvo nuove disposizioni da parte della Lega nazionale dilettanti – per il prossimo 27 settembre.

Anche se l’improvvisa e inaspettata scomparsa nella mattinata di sabato, a causa di un infarto, dello storico e preparato segretario del club amaranto Gigi Baldari, “colonna portante” sul piano amministrativo e organizzativo della società ionica per quasi due decenni, ha creato un vuoto e un senso di smarrimento difficili da assorbire, la società reggina, con alla guida il neo presidente Romeo Bruno, farà ora di tutto per farsi trovare pronta al suo settimo anno consecutivo di quarta serie, dopo aver “riconquistato” nei giorni scorsi la serie D grazie alla sentenza della Corte Federale d’appello che ha ribaltato il giudizio di primo grado emesso dai giudici del Tribunale Federale.

Già da oggi, quindi, il riconfermato duo tecnico composto dall’allenatore Franco Galati e dal ds Cecco Curtale comincerà, con l’arrivo di nuovi elementi, ad irrobustire in ogni reparto la compagine amaranto, alzando così decisamente il livello tecnico e qualitativo dell’attuale “rosa” di atleti (in prevalenza giovani fuoriquota) che già da circa un mese si allenano regolarmente sul sintetico del “Muscolo” di Roccella.

È chiaro comunque che la società reggina, pur tenendo sempre d’occhio il bilancio come fatto finora, dovrà fare qualche sacrificio economico, consentendo così al trainer e al ds di far giungere nella cittadina roccellese, in questa prima fase, non meno di 5-6 giocatori di categoria. Atleti “over” in grado di dare, nei cosiddetti “ruoli chiave”, una chiara connotazione tecnica e una robustezza di livello nei vari reparti.

Per il resto, come è successo l’anno scorso e negli anni precedenti, ci penserà il solito Galati a mettere in moto la sua principale virtù: l’arte della maieutica, cioè la capacità di tirare fuori il meglio da ognuno dei suoi allievi (calciatori).

L’obiettivo era e resta quello di centrare una salvezza tranquilla e garantirsi così ancora per un altro anno la permanenza nel prestigioso massimo campionato dilettantistico nazionale, una “vetrina”, anche sul piano dell’immagine, importantissima per una virtuosa e nota cittadina turistica come Roccella Jonica.

ANTONELLO LUPIS (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.