SERIE D | ROCCELLA CON POCA AUTONOMIA DUE COLPI PER DEFINIRE LA ROSA

147

Serve qualche puntello per l’esordio con il Paternò. Entro domenica prossima, comunque, il ds Curtale dovrebbe mettere a segno almeno altri due colpi di mercato completando così la rosa amaranto.

Domenica prossima al “Muscolo” sarà la neopromossa formazione catanese del Paternò dell’ex attaccante amaranto Jonis Khoris la prima avversaria per la stagione sportiva 2020-2021 del Roccella di mister Galati che si appresta a giocare il suo settimo consecutivo torneo di serie D.

Secondo il calendario varato sabato scorso dalla Lega, il team roccellese la settimana successiva si recherà a far visita, in Sicilia, al forte e attrezzato Licata per poi, tra quindici giorni, disputare in casa il primo derby calabrese della stagione contro il neopromosso San Luca del tecnico Ciccio Cozza.

Un inizio di torneo, quindi, delicato e per nulla facile ma che comunque dirà di pasta è fatto quest’anno il Roccella di mister Franco Galati, peraltro ancora impegnato nei prossimi giorni, insieme al preparato e affidabile ds Francesco Curtale, a modellare l’organico nei vari reparti.

Nelle ultime 24 ore, comunque, per oliare ancora meglio tutti i meccanismi di gioco e aumentare il minutaggio nelle gambe dei giocatori in vista, appunto, dell’esordio in campionato, la formazione amaranto, sul sintetico del “Muscolo”, ha affrontato in una gara amichevole la compatta e volitiva formazione della Reggiomediterranea che quest’anno reciterà un ruolo da protagonista nel campionato di Eccellenza calabrese.

Ad aggiudicarsi la sfida, ben giocata per oltre un’ora e senza alcun risparmio di energie da entrambe le formazioni, è stato il team di casa col risultato di 4-3. Pur mettendo in vista ancora qualche carenza di organico nel reparto arretrato, nel “cuore” del centrocampo e lungo la fascia sinistra, la squadra di Galati, sfruttando già lo stato di buona forma del giovane attaccante, ex Sassuolo ed Fc Messina, Alessandro Carrozza, autore di una doppietta, dei centrocampisti Matteo Capellini e Cosimo Pagano e dell’esterno Andrea Bertora, ha fatto vedere diverse cose buone.

Dopo i tanti cambi e l’ingresso in campo di tanti giovani fuoriquota (a spiccare su tutti è stato l’aitante difensore centrale di colore, classe 2000, Alex Souwe), negli ultimi 20′ la formazione amaranto, fragile, leziosa e con poche idee in mezzo al campo e quasi inconsistente lungo le corsie esterne, ha subìto un po’ troppo i volitivi e intraprendenti avversari reggini, non riuscendo quasi mai a creare volume e gioco accettabile negli ultimi trenta metri né ad impensierire seriamente il portiere ospite. A salvare il risultato per ben tre volte è stato l’esperto portiere, ex Catanzaro, Tommaso Scuffia, il quale, avendo trovato l’accordo in queste ultime ore, difenderà la porta del Roccella per il quarto anno consecutivo.

FONTE GAZZETTA DEL SUD

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.