FALCOMATA’ LANCIA LA MODA DELLA MASCHERIA A FASCIA,MA NON RINUNCIA AL TRENINO E ASSEMBRAMENTI PER FESTEGGIARE LA VITTORIA

436

“Non osservare la pagliuzza nell’occhio di tuo fratello se non vedi la trave che è nel tuo”. Dovrebbero ricordarlo ed applicarlo i Parlamentari del Movimento cinque stelle Parentela e D’Ippolito, che scrupolosi del rispetto delle regole e della salute pubblica hanno amminito i festeggiamenti elettorali della Presidente Santelli al chiuso e senza mascherina. Se tanto mi da tanto stesso ammonimento debbono farlo alle immagini  che stiamo vedendo e che riguardano i festeggiamenti del neo eletto Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà in un locale reggino.    Da Quartuccio a Neri fino allo stesso Falcomatà, tutti senza mascherina, tutti ammassati senza distanziamento, senza alcun rispetto delle norme anti contagio su cui il primo cittadino ha fatto da sceriffo solo pochi mesi fa. Anche queste Parentela e D’ippolito,  come avete ben detto, sono ”inquietante trasgressione di ogni norma e misura di sicurezza volta a prevenire l’epidemia” . Anche il sindaco Falcomatà fa passare ai giovani della movida reggina  un messaggio terribile e cioè che il potere può tutto e che non esiste alcun problema di diffusione del Covid, come se i contagi non fossero in aumento e come se le regole non valessero per chi comanda”.  A Falcomatà va dato atto di aver lanciato la moda della mascherina come fascia sui capelli, mascherina perfettamente abbinata alla camicia, come del resto è il suo stile. Nell’attesa della nota dei parlamentari del Movimento cinque stelle dove, come per la Santelli, “si riservano di presentare un esposto alle autorità di competenza” invitiamo il giovane sindaco a chiedere scusa soprattutto ai giovani reggini.

Maria Teresa Criniti

 

 

previous arrow
next arrow
Slider

 

SERVIZIO DI MARIA TERESA CRINITI

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.