5 Dicembre 2020

Senza Menez gli amaranto, in vantaggio nel primo tempo, limitano i danni acciuffando il pareggio a pochi secondi dal novantesimo

Terzo pareggio consecutivo in campionato per la Reggina che a Lignano Sabbiadoro divide la posta in palio contro il Pordenone. Nonostante un buon primo tempo gli amaranto, orfani di Menez, crollano nella ripresa riuscendo tuttavia a limitare i danni nel finale.

Le cose per la squadra di Toscano si erano messe subito bene, con il momentaneo vantaggio di Liotti, al suo terzo centro in campionato, che capitalizza al meglio un cross di Bellomo. La palla del raddoppio capita sui piedi di Bianchi, innescato da una sponda di Denis, con la sfera però fuori di un’unghia.

Nella ripresa i padroni di casa entrano in campo con un piglio diverso e Diaw al primo pallone giocabile manda a passeggio mezza difesa amaranto prima di trafiggere col destro Guarna per il momentaneo 1-1. La Reggina fatica a riorganizzarsi mentre Calò dai 16 metri impegna Guarna alla deviazione in calcio d’angolo. Il gol sembra nell’aria e arriva puntuale a metà ripresa con un sinistro terrificante di Ciurria, imparabile per l’estremo difensore amaranto. E quando ormai tutte le speranze di uscire dal “Teghil” con un risultato positivo sembrano affievolirsi, al primo tiro in porta del secondo tempo arriva il gol del pareggio calabrese col neoentrato Folorunsho, complice una sfortunata deviazione di Bassoli. A secco di vittorie da quasi un mese, la Reggina riesce a mantenere l’imbattibilità in campionato. Per il Pordenone l’appuntamento con il primo successo in serie B è solo rimandato.

ilreggino

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.