Mar. Gen 26th, 2021

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, di 68 anni, di Forza Italia, è stato arrestato e posto ai domiciliari dai carabinieri con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale politico mafioso. L’indagine che ha portato all’arresto di Tallini riguarda i suoi presunti rapporti con la cosca Grande Aracri della ‘ndrangheta. L’arresto di Tallini ha ovviamente scatenato le reazioni delle varie forze politiche.

NICOLA MORRA: «Vi ricordate le ultime regionali calabresi, a gennaio 2020? Questo signore, attuale Presidente del Consiglio Regionale della Calabria, di Forza Italia, in virtù del Codice di autoregolamentazione della Commissione Antimafia, risultava impresentabile. A suo avviso ero io che mi accanivo contro di lui per una «vendetta personale». Oggi si trova ai domiciliari. Ma era una “vendetta personale”».

MATTEO SALVINI:  «Ho mandato gli auguri a Gratteri di buon lavoro: persona seria che conosco bene, quando c’è da fare pulizia lui è una garanzia. Tallini mi ha attaccato molte volte. Spero che questa vicenda spinga a fare presto, che scelga un calabrese come commissario. La risposta migliore sarebbe nominare un dottore specchiato e calabrese».

PAOLO PARENTELA E GIUSEPPE D’IPPOLITO: «Sul piano politico e morale l’intero centrodestra della Calabria è devastato dalla notizia degli arresti domiciliari per Domenico Tallini, presidente del Consiglio regionale della Calabria, nell’ambito dell’ennesima inchiesta antindrangheta coordinata dalla Dda di Catanzaro, nello specifico contro la cosca Grande Aracri di Cutro. Secondo quanto riportato dalla stampa, sarebbe stato accertato – proseguono Parentela e d’Ippolito – il rapporto di scambio tra Tallini e la cosca, nel senso che il primo sarebbe intervenuto al fine di agevolare la consorteria in un progetto di reimpiego di capitali, ricevendone il sostegno alle elezioni regionali del novembre 2014. L’arresto di Tallini conferma, indipendentemente dagli sviluppi giudiziari del caso, l’urgenza di un totale rinnovamento della classe politica in Calabria, che da tempo chiediamo all’elettorato, anche in virtù delle nostre innumerevoli denunce sull’inquinamento del voto nella regione e sul ricorrente uso del potere a vantaggio delle organizzazioni criminali e di affaristi in tutti gli ambiti dell’amministrazione pubblica, a partire dalla sanità. È singolare – concludono i parlamentari del M5s – che nel Consiglio regionale della Calabria faccia bella mostra una targa con scritto ‘Qui la ‘ndrangheta non entra’, con cui, evidentemente, i partiti tradizionali pensano di essersi lavati la coscienza evitando di fare al loro interno quella pulizia morale tanto raccomandata da Paolo Borsellino, da Nicola Gratteri e dal Movimento 5 Stelle».

FRANCESCO SAPIA: «Gli arresti domiciliari per il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini, chiamano in causa quella classe politica calabrese che ha sempre rinunciato al rinnovamento. Il fatto conferma forse quei gravi timori che la compianta Jole Santelli aveva espresso al giornalista Peter Gomez. Sono gravissimi gli addebiti nei confronti di Tallini, che per gli inquirenti – prosegue Sapia – avrebbe avvantaggiato la cosca Grande Aracri di Cutro in cambio di voti alle Regionali del 2014. La maggioranza politica della Regione Calabria ne esce travolta sul piano morale. Dunque si ripresenta la necessità e l’urgenza di fare pulizia nei partiti, di affrontare di petto la questione morale, senza più ipocrisia. Bisogna guardare la realtà e smetterla di far finta che non ci sia. Da anni – ricorda il parlamentare del M5s – denunciamo formalmente la penetrazione criminale nelle istituzioni, il condizionamento dell’amministrazione pubblica e il dominio di potentati mafiosi o d’affari nella gestione dei soldi della comunità, con particolare riferimento alle aziende del Servizio sanitario regionale. È giunto il momento di fare piazza pulita di tutti quei politici che sono rimasti immobili e silenti rispetto ai rapporti tra politica e criminalità, tra politica e comitati di interessi. La responsabilità, come di recente ha ricordato il magistrato Piercamillo Davigo, non è soltanto di chi sguazza in questo sistema, ma è anche, e forse in primo luogo, di chi tifa, anche semplicemente negando il problema, per quanti a questo sistema immorale appartengono».

ANGELO SPOSATO (CGIL CALABRIA): «Dopo anni di corsi e ricorsi finalmente in Calabria alcuni hanno scoperto che la sanità è stata la metafora dello scambio politico-mafioso. Hanno scoperto che di sanità si muore, ma si vincono anche le elezioni, si eleggono consiglieri regionali, parlamentari, sindaci. Oggi si usano termini come azzeramento del debito, tracciabilità della spesa, sblocco delle assunzioni. Quando li pronunciavamo noi – sostiene ancora il segretario generale della Cgil calabrese – sembravamo degli alieni e la politica tutta, voltava la faccia da un’altra parte, tra sagre, autocelebrazioni, premi inutili e selfie. È in atto un cambiamento culturale, i cittadini hanno capito tutto, vogliono sapere tutto e stanno rialzando la testa. Ed ora che la Magistratura, quella sana, ha aperto le indagini, nulla sarà come prima. Forse è stata l’emergenza Covid, forse no – sottolinea ancora Sposato – una cosa è certa: la politica regionale, o meglio, quello che rimane di essa, tranne rare eccezioni, dovrebbe interrogarsi sul ruolo svolto in questi mesi e in questa fase. Non è antipolitica, è constatazione dei fatti. Se abbiamo uno come Spirlì Presidente facente funzioni, anche i partiti hanno fallito. Tutti. Nessuno escluso».

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.