Mer. Gen 27th, 2021

L’Assessorato alle Pari Opportunità, Politiche Sociali, Pubblica Istruzione del Comune di Locri di concerto con la Cpo del Comune di Locri ha inviato il 20 novembre una lettera d’invito all’Istituto comprensivo “De Amicis Maresca” e all’Istituto “Maria SS. Assunta” con la proposta di diffondere e far conoscere la Carta dei diritti della bambina. Un messaggio che parte dal Comune di Locri in occasione della settimana dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (20 novembre) e per la giornata internazionale contro la violenza di genere (25 novembre) e che già lo scorso marzo la Cpo comunale (Bumbaca, Baldessarro, Garreffa, Speziali, Attisano, Gatto, Romeo, Chiofalo) aveva messo in atto insieme ad altri progetti sulle pari opportunità.
 La Carta dei diritti della bambina, ispirata alla Convenzione Onu sui Diritti del fanciullo del 1989, redatta dalla Bpw Europa a seguito della drammatica condizione femminile denunciata a Pechino nella Conferenza mondiale sulle donne del 1985, è stata adottata dal Comune di Locri su proposta della Fidapa sezione Locri con delibera n.33 del 27.12.2019.
Lo scopo dell’adozione della Carta e della sua promozione è quello di progettare percorsi di azioni positive che permettono di eliminare gli squilibri di genere, ponendo le basi per la costruzione di un sano rapporti uomo- donna, improntato al rispetto reciproco. «Abbiamo pensato insieme alle componenti della Cpo – dice l’assessore Domenica Bumbaca – di rivolgerci alle scuole, perché proprio dai più piccoli, dagli studenti possa partire un messaggio di rispetto verso l’altro. Abbiamo ritenuto opportuno far diffondere la Carta tra bambini e bambine e tra i docenti, durante questa settimana dedicata all’infanzia e all’adolescenza e per la giornata contro la violenza sulle donne, perché si prenda visione che la parità di genere non è solo una “cosa da femmine” e la carta vuole mettere in risalto l’importanza del rispetto della donna da ogni discriminazione». «Ci auguriamo che le scuole, anche in via telematica, e attraverso la Dad, con il coinvolgimento dei docenti, vista la sospensione delle attività scolastiche, diffondano il messaggio, espongano e leggano la Carta dei diritti delle bambine»- così l’assessore Domenica Bumbaca.

Assessore Pari Opportunità,
Politiche Sociali, Pubblica Istruzione
Domenica Bumbaca

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.