Gio. Gen 28th, 2021

Sempre pronta a riscuotere tributi l’Amministrazione comunale di Siderno latita nel riconoscere il dovuto ai cittadini. E così che un cittadino di Siderno per far valere le proprie ragioni è ricorso all’autorità giudiziaria per ottenere la restituzione della cauzione del servizio idrico a suo tempo versata, a seguito della cessazione del rapporto di fornitura. Il cittadino aveva inoltrato regolare richiesta all’Ente che veniva respinta e di nuovo in via bonaria con nota indirizzata al Funzionario del Settore rilevava l’illegittimità del diniego oppostogli a norma di una delibera della Giunta comunale di Siderno che ravvisava la contrarietà della pratica del deposito cauzionale, alla luce del nuovo regolamento per la gestione e l’utilizzo delle risorse idriche comunali, nonché del provvedimento dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas entrato in vigore sin dal 2014. A seguito dei vani tentativi di bonario componimento, il cittadino formulava invano proposta di stipula della convenzione di negoziazione assistita e si vedeva così costretto ad adire l’Autorità giudiziaria. Con sentenza il Giudice di Pace di Locri condannava il Comune di Siderno a restituire le somme in deposito con gli interessi, oltre le spese di lite.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.