Dom. Apr 11th, 2021

Un aumento in media del +150% nel numero di nuove persone che si rivolgono ai Centri di ascolto e ai servizi delle Caritas diocesane rispetto al periodo di pre-emergenza coronavirus. È il dato allarmante che risulta da una prima rilevazione condotta a livello nazionale su 70 Caritas diocesane in tutta Italia, circa un terzo del totale. La Caritas diocesana di Locri diretta da Don Rigobert voluto fortemente dal vescovo di Locri-Gerace SE Mons. Francesco Oliva,  ha evidenziato nella quasi totalità dei casi un aumento nelle segnalazioni dei problemi di occupazione/lavoro e di quelli economici. Il 75,7% di esse segnala anche un incremento dei problemi familiari, il 62,8% di quelli d’istruzione, il 60% di salute, anche in termini di disagio psicologico e psichico, e in termini abitativi. Vengono poi indicati anche nuovi bisogni, come quelli legati a problemi di solitudine, relazionali, anche con risvolti conflittuali, ansie e paure, disorientamento e disinformazione. Allo stesso tempo, si registra un aumento rispetto alle richieste di beni e servizi materiali – in particolare cibo e beni di prima necessità, con la distribuzione di pasti da asporto/a domicilio, sussidi e aiuti economici a supporto della spesa o del pagamento di bollette e affitti, sostegno socio-assistenziale, lavoro e alloggio. Cresce anche la domanda di orientamento riguardo all’accesso alle misure di sostegno, anzitutto pubbliche, messe in campo per fronteggiare l’emergenza sanitaria, di aiuto nella compilazione di queste domande e la richiesta di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, etc.), che sono già stati distribuiti. In questo periodo di feste le esigenze dei più bisognosi aumentano a tal punto da non rendere più sufficienti le risorse messe in campo. L’impegno della Caritas e del Vescovo Oliva rimane costante, lo stesso è voluto essere presente insieme ai suoi collaboratori alla consegna dei pasti nella sede di Locri.      GM direzione@telemia.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.