Mar. Gen 26th, 2021

Alla Commissione Straordinaria dell’Asp n.5 di Reggio Calabria
E p.c.
Al Commissario ad Acta per il piano di rientro in Calabria
S.E. Guido Longo
Al Presidente della Regione Calabria ff.
Antonino Spirli
Al Prefetto di Reggio Calabria
S. E. Massimo Mariani
Alla Città Metropolitana di RC
Avv. Giuseppe Falcomatà
Alla Commissione Prefettizia del Comune di Siderno
Al Dottor Gino Strada
ONG Emergency
Oggetto: Realizzazione della casa della salute di Siderno. Richiesta di incontro urgente.
I sottoscritti Cittadini, Rappresentanti di Associazioni, Partiti e Movimenti Politici Sidernesi, si sono riuniti in
Comitato spontaneo “Pro Casa della Salute di Siderno” al fine di sollecitare gli Uffici competenti per le
determinazioni in merito alla realizzazione della Casa della Salute (ex Ospedale).
Si rappresenta che già da quattro domeniche consecutive la cittadinanza sidernese, ma anche tanti cittadini
locridei, si incontrano per manifestare pacificamente nel piazzale antistante l’ex Ospedale di Siderno, preoccupati
anche dalla gravità della situazione sanitaria originata dal Covid-19.
L’attuale situazione sanitaria in Calabria è nota a tutti ed è ben descritta nella premessa al decreto legge del 10
novembre 2020 n. 150.
Il Governo ha deciso, in considerazione della “straordinaria necessità e urgenza, anche in ragione della situazione
emergenziale in corso, di prevedere per la Regione Calabria misure eccezionali per garantire il rispetto dei livelli
essenziali di assistenza (LEA) in ambito sanitario di cui all’articolo 117, secondo comma, lettera m) della
Costituzione nonché per assicurare il fondamentale diritto alla salute attraverso il raggiungimento degli obiettivi
previsti nei programmi operativi di prosecuzione del piano di rientro dai disavanzi sanitari”, constatato anche “il
reiterato mancato raggiungimento del punteggio minimo previsto dalla griglia dei livelli essenziali di assistenza
(LEA) e degli obiettivi economico-finanziari previsti dalla cornice programmata nell’ambito dei programmi
operativi”.
La Locride, con i suoi 131.985 abitanti, appare sempre più vulnerabile rispetto agli altri ambiti territoriali
regionali in quanto particolarmente penalizzata dalla chiusura dell’Ospedale di Siderno e di Gerace, di interi
reparti dell’Ospedale di Locri, dalla riduzione di personale sanitario, dalla mancanza e/o obsolescenza di
strutture e strumenti sanitari.
Da diversi lustri, la “promessa riconversione” della struttura dell’ex Ospedale di Siderno in Casa della Salute non
si è mai realizzata, sebbene più volte programmata. Sono infatti, state stipulate due convenzioni, la prima il 4 dicembre 2013 e la seconda il 20 novembre del 2017, con un finanziamento di 9.760.000 euro, non solo mai
speso, ma anche senza alcun avvio di procedura.
Da notizie informali il progetto esecutivo, necessario per dare l’avvio ai lavori, non sarebbe stato redatto.
Con nota prot. n. 8799 del 12.02.2019 e successive comunicazioni l’Azienda Sanitaria Provinciale n.5 aveva
comunicato di avere ultimato ed approvato le verifiche di vulnerabilità sismica della struttura, trasmettendo
altresì il cronoprogramma, il quale prevedeva un collaudo entro Dicembre 2021, come da risposta
all’interrogazione n. 441 del 26.02.2019 agli atti del Consiglio Regionale della Calabria.
Posto che, le competenze, superato il Decreto Calabria, risultano essere tornate in capo alle Aziende Provinciali
Sanitarie e che, da quanto ci è dato sapere, si è in attesa, dopo la convenzione firmata tra Regione ed Invitalia,
dell’approvazione (o per meglio dire condivisione….da ben 10 mesi!!) del piano economico che possa far partire
tutto l’iter delle procedure.
A questo punto i Cittadini vogliono sapere, prioritariamente, lo stato dell’iter di realizzazione della Casa della
Salute di Siderno, le motivazioni di questi ritardi, quali (e se ci siano) i documenti mancanti e quali gli ostacoli
che impediscono la mancata progressione dell’opera.
Gli scriventi credono che non sia più possibile aspettare e chiedono un incontro urgente fra una delegazione del
Comitato e le rappresentanze delle istituzioni in indirizzo.
Tenuto conto che la situazione si protrae da molti anni, è nostra intenzione non interrompere la mobilitazione e
le iniziative che sono in atto fino a quando non si otterranno risposte soddisfacenti.
Non vogliano promesse di incontri successivi, ma un programma chiaro di tutti i passi necessari affinché la
struttura si attivi nel minor tempo possibile, vista anche la grave situazione del territorio per quanto riguarda la
mancanza di strutture sanitarie che soddisfino le molteplici esigenze dei cittadini della Locride.
Sicuri di un sollecito ed immediato riscontro, rimanendo in attesa di comunicazioni in merito, porgono distinti
saluti.
Siderno, lì 16 dicembre 2020
Comitato “Casa della Salute-Si”:
Sasà Albanese
Francesco Martino
Anna Romeo
Adriana Audino
Antonio Guerrieri
Le forze politiche:
Comunisti Uniti per Siderno
In Piedi per Siderno
Noi per Siderno
Partito democratico Siderno
Rilancio di Siderno – Barranca Sindaco
Sinistra Italiana

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.