Mar. Gen 26th, 2021

Si è tenuto, in data odierna, un incontro presso la Sala Verde della Cittadella Regionale, avente ad oggetto la discussione sulla fattibilità del progetto di efficientamento dell’impianto di separazione dei rifiuti, sito in C.da San Leo a Siderno.

L’incontro, organizzato dalla Commissione Straordinaria del Comune di Siderno, cui hanno partecipato partiti politici e associazioni ambientali locali, si è svolto alla presenza dell’assessore regionale all’Ambiente,  Sergio De Caprio, dei Tecnici del Dipartimento Ambiente della Regione, della Città Metropolitana e del Comune di Siderno.

Dopo un’ampia e accesa discussione che ha trattato la questione sia dal punto di vista tecnico che da quello dell’opportunità politico-territoriale, tutte le parti rappresentative del territorio hanno condiviso unanimemente di chiedere che il processo di avanzamento del progetto sia temporaneamente sospeso, alla luce della circostanza che sia il Comune di Siderno (città ospitante l’impianto) che la Regione Calabria sono in fase di gestione ordinaria, essendo la prima in attesa di tornare ad essere governata da un’amministrazione democraticamente eletta e la seconda, con funzioni meramente ordinarie, in attesa che vengano espletate le  prossime competizioni elettorali.

L’Assessore regionale, De Caprio, ha dato la sua disponibilità a verificare, presso l’Avvocatura competente, la percorribilità della sospensione dell’iter, proprio in virtù della circostanza che, politicamente, attualmente a Siderno non esistono riferimenti politico-istituzionali eletti.

Il Partito Democratico di Siderno e la lista Ripartiamo da Siderno, rappresentati nell’occasione rispettivamente da Giusy Massara, Alessandro Archinà, Tommaso Diano e Fabrizio Figliomeni, hanno evidenziato che ogni decisione sulla questione non debba passare sulla testa dei cittadini sidernesi, ma che sia il frutto di una concertazione di tutti gli attori coinvolti ed hanno, pertanto, invitato i tecnici ad individuare soluzioni in linea con le istanze dei cittadini e delle loro esigenze di tutela della salute e della vivibilità ambientale.

Hanno, altresì, chiesto che, nelle more, non ci si dimentichi del fatto che l’impianto continui a promanare cattivi odori e miasmi, i cui disagi vengono particolarmente avvertiti, non solo dagli abitanti dell’area interessata ma anche dalle attività turistiche e commerciali, ivi insistenti.

Hanno, infine, raccomandato un controllo continuo sui quantitativi di conferimenti di rifiuti nell’impianto, invitando le Istituzioni competenti ad incentivare la raccolta differenziata in quei Comuni che, pur conferendo nell’impianto di Siderno, non l’hanno ancora avviata, con ciò determinando il sovraccarico e, conseguentemente, il cattivo funzionamento della struttura.

PD Siderno e Ripartiamo da Siderno continueranno a monitorare e a seguire l’intera questione ambientale sul territorio.

 

Partito Democratico di Siderno

Ripartiamo da Siderno

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.