Sab. Gen 23rd, 2021

Pù forti del Covid. Più determinati di un plotone di Marines in missione speciale. Più compatti di una falange spartana in difesa di Re Leonida. A Palazzo Alvaro non c’è alcun tentennamento e si va avanti senza soste né paura: le elezioni per il rinnovo del Consiglio metropolitano non potevano attendere oltre e, così come stabilito in illo tempore, le urne si apriranno domenica 24 gennaio in piena pandemia, in barba a qualsiasi (possibile o eventuale) assembramento. Al sindaco Falcomatà serve un Consiglio metropolitano che funzioni e allora ieri sera alle ore 20 è scaduto il termine per la presentazione delle liste da cui bisognerà scegliere i 14 consiglieri metropolitani. Ne sono state presentate quattro con 48 candidati complessivi. La scelta non manca. Ce n’è per tutti i gusti.

La realpolitik

Il centrodestra ha tentennato, sull’onda emotiva dei brogli elettorali al Comune (ha presentato finanche un’interpellanza al ministro dell’Interno) e ha fatto anche balenare l’idea che avrebbe potuto boicottare questo (insignificante) appuntamento elettorale ma poi con un’abile finta di corpo ha spiazzato tutti: meglio di Maradona al Mundial di Mexico ’86, meglio accontentare qualche fedelissimo dandogli un’inutile poltrona piuttosto che fare una battaglia ideale. Del resto la realpolitik ha le sue ragioni e finisce spesso per prevalere sulle ragioni del cuore. E queste sono le ragioni, tra squilli di tromba e rulli di tamburi, per cui il centrodestra ha optato «per un’unica grande lista per le elezioni in seno alla Città Metropolitana: Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega si presentano nel segno della compattezza alla corsa per i 14 posti del Consiglio metropolitano. La Coalizione, coordinata dal segretario provinciale azzurro, Francesco Cannizzaro, ha deciso per un listone robusto che al suo interno abbia ben rappresentati tutti i Partiti. Grande attenzione è stata data al Territorio: la volontà infatti è stata quella di premiare la Provincia, inserendo in lista per la maggior parte amministratori dei piccoli centri. Si tratta di 6 donne e 8 uomini che già operano sul territorio provinciale nei rispettivi comuni di pertinenza e che rappresentano tutte le zone della Punta dello Stivale: Area dello Stretto, Piana di Gioia Tauro e Locride. Quattordici nomi per cambiare il volto della Provincia di Reggio Calabria, dando contenuti ad una “scatola vuota” come oggi si presenta la nostra Città Metropolitana». Dai banchi dell’opposizione sarà difficile fare qualcosa, però il centrodestra ci crede lo stesso.

La previsione

Il centrosinistra, alla fine, ne ha presentate due di liste: una espressione piena e diretta dei partiti (Pd, Iv, socialisti), l’altra che, invece, ha voluto dare più voce al territorio dando spazio a liste e movimenti civici. Ventisette candidati in totale (che forse potrebbero diventare 26 al momento della verifica per via di qualche leggerezza al momento della composizione di S’intesi) che dovrebbero fare la parte del leone conquistando almeno 9 o 10 consiglieri. Poi c’è la lista degli “indipendenti” di sinistra della Piana che schierano solo 7 candidati ma che se avranno il sostegno di Saverio Pazzano potrebbero anche conquistare un consigliere; e, infine, il listone del centrodestra che potrebbe conquistare tre (nella migliore delle ipotesi anche 4) consiglieri metropolitani.

Tutti i nomi

Queste sono le quattro liste in lizza e i 48 candidati che dovranno votare gli elettori-amministratori chiamati alle urne il prossimo 24 gennaio.

Democratici Metropolitani

14 candidati

Giuseppe Marino

Giuseppe Francesco Sera

Domenico Mantegna

Rossella Scopacasa

Giuseppe Ranuccio

Filippo Quartuccio

Giovanni Latella

Alessandra Serra

Antonino Zimbalatti

Carmela Lentini

Francesca Stillittano

Antonio Crea

Eleonora Macheda

Deborah Novarro

S’intesi Metropolitana

13 candidati

Domenico Mallamaci

Carmelo Versace

Domenica Vitale

Armando Neri

Giuseppe Giordano

Fiorentino Riganò detto Fiore

Salvatore Fuda

Vincenzo Attilio Salvatore Loiero

Katiuscia Iannuzzi

Rosa Maria Marcianò

Francesca Curulli

Paolo Antonio Ferrara

Roberta Borrello.

Territorio Metropolitano

7 candidati

Domenico Antico

Maria Catena Bellissimo

Francesco Cavallaro

Michele Conia

Domenico Lombardo

Francesca Romeo

Andrea Tripodi

Centrodestra Metropolitano

14 candidati

Giuseppe Zampogna

Rocco Alberto Campolo

Natale Cangemi

Pasquale Ceratti

Roberto Gaudioso

Maria Francesca Ioculano

Rudi Lizzi

Caterina Chiara Macheda

Antonino Minicuci

Caterina Panetta

Francesca Anastasia Porpiglia

Domenico Romeo

Giovanna Settineri

Cristina Sorace

pie.ga

 

SERVIZIO DI MARIA TERESA CRINITI

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.