Dom. Apr 18th, 2021

Aderiamo convintamente alla battaglia di democrazia lanciata dal Think Tank Collettivo Peppe Valarioti affinché si garantisca ai fuorisede calabresi il diritto di voto a distanza già a partire dalle prossime elezioni regionali, se lo consentono i tempi e le norme vigenti.

La pandemia, da un lato, ha palesato la radicata sofferenza sociale ed economica che insiste da anni in Calabria, rendendo ancora più tetro un panorama già fosco.

Dall’altro, essa può essere l’occasione per far rinascere questa regione e consentire la rigenerazione del suo tessuto democratico.

Infatti, le forze politiche e sociali – se saranno capaci di uno sforzo volto al bene comune – potranno dimostrare la (r)esistenza di una tensione vitale dei cittadini calabresi a collocarsi compiutamente nel solco della Costituzione e dei diritti.

La situazione pandemica esaspera un quadro già di per sé problematico. In una terra caratterizzata da grandi emigrazioni questo ha importanti ripercussioni sull’affluenza alle urne. Nelle ultime regionali infatti, il dato sull’astensionismo è intellegibile alla luce dei molteplici studenti e lavoratori fuori sede con residenza in Calabria ai quali di fatto, con le sole misure esistenti, viene negato un diritto basilare di partecipazione democratica. Sappiamo che la proposta non è di semplice attuazione e apparentemente si frappongono dei limiti che sembrano insormontabili, però sposiamo le parole dei ragazzi e delle ragazze del Collettivo: “Non tutto ciò che sembra impossibile è irrealizzabile” spiegano e noi sentiamo la necessità di affiancarli in questo cammino per affermare un principio di democrazia.

Solo una comunità matura che considera imprescindibile la partecipazione attiva di tutti e di ciascuno alla vita politica può riuscire ad aggregarsi attorno alla battaglia per il voto ai fuorisede, battaglia trasversale e che deve trovare seguito nel mondo politico di ciascun colore. Necessario dunque, ricomporre i pezzi della nostra comunità per poter esprimere una scelta compiutamente rappresentativa.

Partire dalla Calabria, terra di diritti negati, per riconoscere il diritto al voto reale per i cittadini e le cittadine in mobilità, potrebbe essere un precedente importante per l’affermazione di un diritto che dovrebbe essere ormai costituzionalmente garantito oltre che di adeguamento europeo.

Per queste ragioni abbiamo scelto di diventare a nostra volta promotori dell’istanza del Collettivo Valarioti, aderendo attivamente alla rete che si sta formando per il rilancio e il sostegno di questa lotta.

Un impegno volto alla sensibilizzazione della comunità nella costruzione corale di una richiesta di democrazia e indirizzato alle istituzioni politiche affinché possano con unità di intenti, renderla effettiva.

Se tutti e tutte insieme, cittadini, associazioni ed organismi politici, riusciremo a vincere questa battaglia inizieremo un nuovo percorso basato sulla piena partecipazione mediante l’esercizio di un voto che sia finalmente libero, garantito universalmente e privo di condizionamenti.

Libera Calabria Coordinamento Regionale

Movimento Politico per l’Unità

Associazione Insieme per il bene comune

CGIL Calabria

CISL Calabria

UIL Calabria

Anpi Calabria

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.