Dom. Apr 11th, 2021

I lavoratori di Locride Ambiente sono nuovamente, da ieri, in stato di agitazione a causa del mancato pagamento delle spettanze. In una nota il coordinatore provinciale Slai Cobas , Nazzareno Piperno , nel comunicare lo stato di agitazione afferma che ci si trova «di fronte al dramma di retribuzioni non pagate e, quindi, di lavoratori costretti a prestare servizio senza percepire quanto dovuto e con l’ansia continua di non sapere mai quando riusciranno a recuperare quanto necessario per vivere».

Piperno, poi, dice di aver messo in atto “tutte le inziative di tutela previste dall’ordinamento a cominciare dal sistematico ricorso all’intervento sostitutivo della Stazione appaltante previsto dal Codice degli appalti, oltre che proclamare ad ogni piè sospinto stati di agitazione spesso sfociati in giornate di sciopero” e aggiunge “.Potremmo dire del tutto inutilmente visto e considerato che – nonostante si sia spesso riusciti a recuperare le retribuzioni dovute ai lavoratori con l’attivazione dell’intervento sostitutivo da parte dei soli Comuni di Siderno, Bovalino e Monasterace che almeno finora sono state le uniche amministrazioni dimostratesi rispettose del relativo obbligo posto a loro carico (laddove al contrario il Comune di Grotteria non hai mai fatto alcunchè ) nulla è cambiato nell’atteggiamento di un’azienda che continua imperterrita ad accumulare ritardi su ritardi e a non fornire alcun riscontro sui tempi di pagamento”. La conseguenza è che “.non può fare altro che continuare a richiedere interventi sostitutivi e a proclamare stati di agitazione”. Fatto riferimento ai “disagi anche sociali alle famiglie dei malcapitati lavoratori dipendenti di tale società” che ” determina pregiudizio ai lavoratori e alle loro famiglie, privati della certezza economica e dunque , dalla possibilita’ di poter contare sui propri profitti al fine di far fronte a spese quotidiane, ordinarie e straordinarie e scadenze fiss” quindi “Ai fini dell’esperimento delle procedure preventive di raffreddamento e di conciliazione previste dalla L. n. 146/90 ” è data comunicazione che “la richiesta viene inviata alle Direzioni aziendali per il seguito di competenza, rimanendo in attesa delle convocazioni della scrivente organizzazione sindacale per l’esame dei motivi della controversia”.

a.b. – gazzetta del sud

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.