Dom. Apr 18th, 2021

Domenica prossima in programma la sfida in trasferta con il Paternò

Finalmente si gioca. Dopo quasi 50 giorni di stop forzato e di un’infinità di gare non disputate domenica prossima il Roccella di Franco Galati tornerà in un rettangolo di gioco. Dopodomani, infatti, la compagine calabrese affronterà in trasferta, in terra siciliana, la formazione del Paternò, che nel girone d’andata alla prima gara di campionato, sbancò il “Muscolo” col classico risultato all’inglese, iniziando così nel migliore dei modi la sua prima avventura nel torneo di quarta serie.

«Anche se in questo lungo periodo di stop – ha esordito l’allenatore – la squadra si è allenata regolarmente e con grande spirito di sacrificio e di attaccamento ai colori sociali, per noi, dopo poco meno di due mesi di calcio non giocato, sarà come iniziare un altro campionato. Sarà dura, molto dura, visto che ci toccherà anche recuperare ben sei gare per cui saremo costretti, per i prossimi due mesi circa, a giocare ogni tre giorni. Siamo, comunque, abituati – ha concluso il trainer reggino – a lottare col coltello tra i denti in ogni campionato di serie D e non è un caso, infatti, che da ben sette anni il Roccella riesce a salvare la categoria e, quindi, a disputare l’anno successivo il massimo campionato dilettantistico nazionale. E sarà così, ne sono certo, anche per la prossima stagione sportiva».

I lunghi e interminabili 50 giorni circa di stop hanno, come ha anche sottolineato l’allenatore Galati, fatto salire a ben 6 il numero di gare che il Roccella dovrà poi recuperare in turni infrasettimanali. La compagine calabrese, infatti, dovrà recuperare le gare contro, rispettivamente, Biancavilla, Rotonda, Gelbison, Acireale, Castrovillari ed FC Messina. La squadra allenata da Galati non gioca una partita vera dai primi di gennaio scorso quando al “Muscolo” affrontò, nel derby calabrese, la Cittanovese.

fonte gazzetta del sud

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.