Dom. Apr 18th, 2021

A Ezio Perfidio, esecutore materiale, 30 anni e al padre sei

La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro ha confermato la sentenza di primo grado a carico di Ezio e Francesco Perfidio, imputati nel processo per l’uccisione di Stefano Piperno, di 29 anni, avvenuta a Nicotera il 19 giugno del 2018. Il giovane, mediatore culturale, venne ammazzato a colpi di pistola e poi bruciato nella sua auto nelle campagne di Comerconi. Stamani la Corte (presidente Cosentino a latere Commodaro) ha inflitto, in linea con quanto aveva fatto il gup di Vibo al termine del processo in abbreviato, 30 anni di reclusione a Ezio Perfidio, ritenuto l’esecutore materiale del delitto e 6 anni al padre Francesco al quale sono stati contestati la distruzione del cadavere, reati in materia di droga e detenzione di armi. Secondo l’accusa sostenuta dalla Procura di Vibo, il movente del delitto sarebbe invece da ricercare nelle pressanti richieste della vittima finalizzate ad ottenere dello stupefacente del tipo cocaina, pur avendo maturato debiti pregressi con gli aggressori. Il difensore dei due imputati, avvocato Francesco Sabatino, aveva chiesto l’assoluzione per i propri assistiti. Parte civile i familiari della vittima rappresentati al processo dagli avvocati Nicodemo Gentile e Antonio Cozza.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.