Gio. Apr 22nd, 2021

In un periodo come quello attuale fare leva sulla paura è sin troppo semplice. È troppo facile in questo momento chiedere la chiusura delle scuole sull’onda della paura che tutti noi genitori, giustamente, proviamo.

Ma prima di farci trascinare dal sentimento, analizziamo i dati dei contagi recenti in modo da poter orientare le nostre decisioni sulla base di evidenze empiriche e comprovate.

In Calabria risultano attualmente positive 7343 persone, ovvero lo 0,38% della popolazione. A Lamezia Terme i positivi sono circa 261, ovvero lo 0,37%. In entrambi i casi si tratta di 3 persone ogni 1000 abitanti. Ben al di sotto della grande maggioranza delle altre regioni.

In Calabria l’indice Rt di trasmissibilità è pari a 0,83; meglio di noi, in tutta la penisola, soltanto Bolzano (0,61) e Umbria (0,82).

Sappiamo infatti che la Calabria si troverebbe in zona gialla se non fosse per l’ultimo decreto legge che le ha di fatto abolite sino a dopo Pasqua.

Ovviamente non bisogna abbassare la guardia di fronte a questo virus che si sta mostrando molto subdolo; anche noi infatti abbiamo alcuni (pochi per fortuna) Comuni in cui i Sindaci hanno predisposto chiusure totali, quelle da zona rossa per intenderci, a fronte di situazioni di contagio molto al di sopra della media. Ci sta. Anzi, è d’obbligo. Tuttavia i numeri sopra esposti ci consentono di quantificare l’esposizione al rischio che, in questo momento, in Calabria appare ben inferiore al resto d’Italia.

Chiedere, quindi, la chiusura a priori delle scuole nel mentre tutte le altre attività sono sostanzialmente aperte appare un non senso. Se dobbiamo chiudere le scuole, allora deve essere zona rossa per tutti.

I protocolli di sicurezza delle scuole, alla luce dei numeri e ad eccezione di alcuni rari casi, si sono rilevati efficaci nel contenimento della pandemia, perché quindi dovremmo privare i nostri figli del diritto allo studio ed alla socialità quando poi gli adulti godono di libertà e conseguenti rischi di contagio?

Uno studio dell’università di Oxford ha stimato che la DAD, che va vista come una soluzione estrema e non come metodo ordinario di insegnamento, provoca una perdita di apprendimento che può arrivare sino al 55% rispetto al normale corso scolastico. Ed il danno maggiore tocca agli studenti più giovani, che si ritrovano basi più fragili su cui costruire la conoscenza futura: è il presupposto per abbandoni e scelte al ribasso. Infine, un’indagine di Indire su più di tremila insegnanti segnale che la DAD, pur essendo ripetiamo l’unica alternativa in tempo di pandemia, viene giudicata inadatta a conservare appieno elementi fondamentali dell’insegnamento, come la qualità della relazione fra pari, della relazione educativa, dell’interazione, della collaborazione e della comunicazione.

Ecco perchè ritengo che la soluzione, finché possibile, non si deve trovare in una chiusura generalizzata delle scuole. Bisogna invece sollecitare le vaccinazioni, l’esecuzione periodica di tamponi e creare le giuste condizioni per proseguire la didattica in presenza nelle scuole. In altre parole, bisogna chiedere più sicurezza, non meno scuola.

On. Sebastiano Barbanti 

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.