Mer. Apr 14th, 2021

L’allarme lanciato nei giorni scorsi dal forum del terzo settore della Locride, relativamente al rischio di distrazione dei fondi per la non autosufficienza da parte del distretto socio-sanitario Locride Sud, desta sconcerto e preoccupazione. Sopratutto perché sulla vicenda, oggetto di interrogazione consiliare da parte del gruppo di opposizione “Scelgo Locri”, nessuna controreplica ad oggi é entrata nel merito dei dubbi sollevati, limitandosi a generiche difese d’ufficio del lavoro svolto.

Una cifra così alta, parliamo di circa undici milioni di euro, merita quantomeno un approfondimento sulle modalità di spesa di un fondo pubblico destinato ad una fascia di popolazione fragile e in difficoltà.  La legge, tra l’altro, impone un utilizzo vincolato di tali somme e le stesse non possono assolutamente essere utilizzate per anticipare pagamenti di altro tipo, men che meno per pagare consulenze professionali.

Dinanzi alla gravità di quanto denunciato, crediamo che il presidente del distretto e sindaco del Comune di Locri, ente capofila dell’ambito territoriale Locride Sud, abbia il dovere di chiarire, dettagliatamente e nel merito, le pesanti questioni sollevate ed oggetto di un’interrogazione trasmessa anche al Prefetto di Reggio Calabria, alla Regione Calabria e alla  Corte dei Conti. Lo deve alla città che amministra ed a tutti i cittadini dei ventitré comuni ricadenti nell’ambito territoriale in questione. Sopratutto, lo deve a tutte le famiglie in difficoltà ed a cui tali finanziamenti sarebbero destinati affinché sia assicurata una condizione di vita dignitosa ai componenti non autosufficienti, rendendo meno gravosa la quotidianità di ognuno.

Il nostro pensiero va a coloro i quali hanno bisogno di tali strumenti di sostegno e non ne possono usufruire, a loro dobbiamo risposte e per loro chiediamo al sindaco Calabrese di chiarire ogni aspetto, evitandoci gli strali che è solito lanciare ogni qualvolta gli si chiedono spiegazioni sul suo operato pubblico. Non ne sentiamo la necessità e non è il momento. Ribadiamo, invece, l’urgenza di avere pubbliche spiegazioni nel merito delle questioni poste dal forum del terzo settore e dall’opposizione consiliare. Lui stesso dovrebbe sentire l’esigenza di porre fine ai dubbi, carte alla mano. Se è in condizione di farlo.

Le politiche sociali sono, assieme alla sanità, l’aspetto più critico della gestione politico-amministrativa in Calabria. Su questo fronte è necessario che le attuali amministrazioni di destra, al Comune di Locri e alla Regione Calabria, ammettano di aver sbagliato clamorosamente tutto e si rimbocchino le maniche per assicurare un utilizzo dei fondi che sia corretto, efficiente e tempestivo.

Partito Democratico di Locri

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.