Dom. Apr 18th, 2021

Ieri sera ho riferito dell’incidente fortuito avvenuto durante la partita di calcio Roccella Gelbison che ha interessato il nostro giovanissimo giocatore Alessandro Carrozza. 

Momenti trepidanti, per Alessandro caduto a terra perdendo per diversi secondi i sensi, per la sua famiglia presente in tribuna e per tutti gli amici e tifosi roccellesi e non. 

Alessandro, dopo l’intervento dei sanitari di entrambe le squadre, si è rialzato da terra da solo ed è stato subito trasportato all’Ospedale di Locri per la tac e poi, successivamente, con l’elisoccorso, all’ospedale Morelli di Reggio Calabria.

Purtroppo il colpo subìto in campo ha causato alcune fratture composte del cranio, e oggi lo diciamo perchè, grazie al Cielo, la situazione rispetto a ieri è molto migliorata.

Dopo una notte in cui Alessandro è stato tenuto in coma farmacologico, monitorato e sotto stretta osservazione, stamattina è stato risvegliato e la sua reazione è stata molto buona. 

Nonostante i familiari non abbiano potuto vederlo per la situazione di emergenza sanitaria che tutti sappiamo, mamma, papà, il fratello e la sorella, lo hanno potuto salutare in videochiamata e, dopo i momenti di forte preoccupazione, finalmente hanno potuto sentire le parole di Alessandro che hanno dato a tutti conforto. 

Lui è cosciente e vigile anche se, naturalmente, un po’ stanco. Nonostante non sia ancora completamente fuori pericolo, la sua reazione è stata esemplare e i medici sono molto ottimisti. 

Il versamento di sangue pare sia stato molto limitato e si sia fermato subito e le diverse fratture, fortunatamente, non hanno interessato la parte celebrale. 

Si è davvero tutti molto fiduciosi.

Ringrazio di cuore Andrea Carrozza, fratello di Alessandro, che in un momento cosi delicato per lui e la sua famiglia, ha rilasciato a questo blog le notizie che sopra ho riportato, non mancando di ringraziare di cuore davvero tutti coloro che dal momento dell’accaduto stanno manifestando solidarietà, affetto e vicinanza a tutta la sua famiglia. 

E sono stati tantissimi!!! 

Andrea ci tiene inoltre a ringraziare sia la società del Roccella che tutta la squadra del Gelbison. 

Medici, giocatori e dirigenti, tutti si sono spesi in ogni modo in campo per Alessandro in quei terribili attimi di grande panico, prima della sua ripresa di coscienza. 

Se tutto andrà come si prevede, e siamo sicuri che lo sarà, dopo ancora qualche giorno in osservazione, Alessandro ritornerà ad abbracciare la sua famiglia e tutti i suoi amici e tifosi. 

E noi lo aspetteremo per augurargli tutto il meglio dalla vita e per continuare ad apprezzarlo e ad applaudirlo per le sue straordinarie doti sportive e umane che manifesta in campo in ogni sua partita di calcio.

Ale, Roccella ti aspetta e ti vuole un mondo di bene!!!

ROCCELLA SIAMO ANCHE NOI

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.