Mar. Apr 20th, 2021

Nella serata di venerdì 12 marzo, la sezione AIA di Locri capitanata dal presidente sezionale Anselmo Scaramuzzino e quella di Taurianova guidata dal presidente Adriano Polifrone hanno ospitato, sulla piattaforma online Zoom, una Riunione Tecnica Obbligatoria congiunta. La riunione tecnica che si è svolta virtualmente per evitare assembramenti e per evitare ovviamente il propagarsi dei contagi da Covid-19 in un momento così delicato per la nostra nazione, è stata un momento di grande associazionismo ed aggiornamento sia tecnico che umano. Il Web ha permesso alle due sezioni, distanti a livello chilometrico, di ritrovarsi in un abbraccio sportivo e disciplinare che non fa altro che confermare la validità del mezzo AIA nella vita di ogni arbitro. Dai più longevi, fino ai frequentanti degli ultimi corsi arbitri nazionali hanno dimostrato gioia e soddisfazione per aver potuto partecipare ad un momento di grande aggiornamento con tanti amici e colleghi. Importanti e graditissimi i saluti di Stefano Archiná (associato della sezione Aia Locri e componente del Comitato Nazionale AIA) che ha puntualizzato fermamente che il nuovo corso iniziato con l’elezione di Alfredo Trentalange mira alla creazione di un’Aia 2.0 che dia immensa centralità alle sezioni e che rimetta al centro dell’Associazione Italiana Arbitri la condizione periferica delle sezioni stesse e degli associati che hanno speso la loro vita e passione per il benessere dell’Associazione Italiana Arbitri nella sua interezza. Graditissimi i saluti del Presidente del Comitato Regionale Arbitri Calabria, Franco Longo assente, nella piattaforma online, per motivi personali ed istituzionali ma entusiasta per l’avvenuta creazione e per il successo che la Riunione tecnica obbligatoria ha avuto. Durante la stessa sono intervenuti con rilevante contributo il Vicepresidente del CRA Calabria Giuseppe D’Amelio, il componente del CRA Roberto Rispoli, Giuseppe Gualtieri, Francesco Di Bellonia, Saverio Stilisano e altri importanti associati delle due consorelle sezioni partecipanti. La Riunione Tecnica Obbligatoria si è conclusa con la visione e il commento tecnico di alcuni episodi riguardanti la scelta dei provvedimenti disciplinari e di gravi falli di giuoco da valutare e con una lezione sulla validità dei valori che l’Aia e l’attività arbitrale mirano a promulgare negli anni di appartenenza. Inoltre i due presidenti sezionali hanno ringraziato tutti i partecipanti (oltre 80) per il valore associativo che hanno saputo attribuire, per la pazienza e l’affetto dimostrato durante la stessa riunione tecnica obbligatoria verso le due sezioni e la disciplina arbitrale. Il tutto con l’augurio e la speranza di poter tornare presto ad abbracciarsi fisicamente e a tornare a fare quello che più amiamo, tornare in campo.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.