Mer. Apr 21st, 2021

I carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro hanno eseguito 13 misure cautelari firmate dal gip Paola Ciriaco su richiesta dei sostituti procuratori Domenico Guarascio e Veronica Calcagno. Ventidue in tutto le persone indagate.

I soggetti sono ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di associazione di tipo mafioso, usura, estorsione ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. L’indagine, diretta dalla Procura Distrettuale di Catanzaro e condotta dai carabinieri di Sellia Marina, ha preso avvio da due atti intimidatori consumati il 13 novembre 2018 in danno di altrettanti esercizi commerciali di Sellia Marina, davanti ai quali erano state posizionate delle taniche di benzina, ed è stata sviluppata attraverso indagini tecniche, servizi di osservazione e pedinamento, accertamenti patrimoniali e l’assunzione a sommarie informazioni delle persone offese.

I NOMI

Alfonso Mannolo, 82 anni, di San Leonardo di Cutro
Dante Mannolo, 53 anni, di Cutro
Pietruccia Scerbo, 46 anni, di Crotone
Pietro Scerbo, 74 anni, di Cutro
Mario Scerbo, 43 anni, di Crotone
Martino Andrea Sirelli, 43 anni, di Sellia Marina
Mario Falcone, 67 anni, di Cutro
Leonardo Falcone, 43 anni, di Cutro
Marco Falcone, 43 anni, di Crotone
Leonardo Curcio, 52 anni, di Torino
Leonardo Trapasso, 52 anni, di Cutro
Tommaso Trapasso, 43 anni, di Cutro
Salvatore Macrì, 43 anni, di Cropani
Antonio Scicchitano, 49 anni, di Botricello
Giuseppe Talarico, 36 anni, di Catanzaro
Volodymyr Nemesh, 32 anni, di nazionalità ucraina
Moreno Bertucci, 50 anni, residente a Sellia Marina
Giuseppe Capicotto, 47 anni, di Catanzaro
Egidio Zoffreo, 49 anni, di Cutro
Giovanni Zoffreo, 27 anni, residente a Botricello
Fabio Mannolo, 35 anni, di Crotone
Frank Mario Santacroce, 50 anni, di Catanzaro

[fvplayer id=”161″] SERVIZIO DI GIANLUCA SCOPELLITI
Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.