Dom. Apr 18th, 2021

“Con il parere della commissione Trasporti della Camera al PNRR si è compiuto oggi un altro e decisivo passo verso il riscatto del Sud sul piano logistico ed infrastrutturale”. Ad affermarlo la parlamentare del PD, Enza Bruno Bossio, relatrice, insieme a Paolo Ficara (M5S), della proposta.

 “Il parere espresso oggi – aggiunge la deputata al termine della seduta di commissione- di fatto suggella due importanti impegni che il Parlamento intende realizzare, grazie al Next Generation Eu:  promuovere uno sviluppo omogeneo del Paese e superare odiosi e storici divari territoriali. In particolare, la commissione, pur esprimendo soddisfazione per la decisone di avviare con il Recovery Plan il nuovo tracciato dell’Alta velocità da Salerno a Reggio Calabria, chiede al Governo di realizzare questa infrastruttura fondamentale, non solo attraverso i lotti finanziati dal Recovery fund, ma impegnando le somme per  il completamento di tutta l’opera nel prossimo contratto di programma fra Rfi e MIMS”.

“La commissione, inoltre, si è espressa sull’attraversamento stabile dello Stretto, affermando, ancora una volta, l’urgenza di un corridoio unico Nord/Sud  funzionale sia alla mobilità delle persone che delle merci. Nello specifico, si è affermato che sull’attraversamento stabile dello Stretto  – possa rapidamente il Parlamento essere messo in condizione di esprimere un parere rispetto agli scenari ( Ponte o Tunnel) e valutare quali opere e interventi possano essere inclusi nei finanziamenti del PNRR per avviare concretamente l’opera.  Inoltre – prosegue la parlamentare – con riferimento alle previsioni espressamente legate allo sviluppo del Mezzogiorno, è stato ribadito che la clausola del 34%, ossia la distribuzione dei fondi al Sud in ragione della popolazione residente, non appare sufficiente a promuovere la riduzione dei divari territoriali ancora oggi esistenti tra le diverse aree del nostro Paese. Di fronte al persistere di una differenziazione relativamente al PIL pro capite e al tasso di disoccupazione, dovrà essere esplicitata nel PNRR la quota di risorse aggiuntive da destinare al Mezzogiorno, in maniera specifica e distinta da quelle relative agli interventi “in essere” e da quelle, come i fondi FSC, già incluse nei tendenziali di finanza pubblica.  E’ stato richiesto – prosegue ancora la parlamentare- che si garantisca il reintegro delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione oggetto di anticipazione in relazione al PNRR, rispettando il vincolo territoriale originario e acquisendo il parere preliminare del Parlamento sulla nuova destinazione di tali fondi. Infine, nell’ambito delle riforme legate all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, si preveda la non più rinviabile attuazione dei LEP (Livelli Essenziali delle Prestazioni), anche nel settore dei trasporti, per garantire eguaglianza su tutto il territorio nazionale per tutti i cittadini”.

Enza Bruno Bossio

Deputata PD

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.