Ven. Apr 23rd, 2021

La Calabria e la Sicilia hanno bisogno di strade, ferrovie ad alta velocità e ad alta capacità, acquedotti efficienti. Non certo il ponte o il tunnel sono le priorità. È davvero incredibile – continua la nota del Senatore Giuseppe Auddino M5S – la nonchalance con cui ciclicamente si riaccende il surreale dibattito relativo al ponte sullo Stretto di Messina. Invece di aprire una seria discussione sulle necessità infrastrutturali del Sud, della Sicilia e della Calabria in particolare, si continua a rilanciare un’idea che aleggia da svariati decenni, senza alcuna nuova analisi di fattibilità, né tanto meno con studi sui costi e sui benefici che un’opera simile dovrebbe avere. Un amarcord anni ’80 talmente stantio che i calabresi e i siciliani francamente non meritano. Prima di pensare a un collegamento stabile tra Calabria e Sicilia, dovremmo ricordarci quanto impiegano persone e merci a raggiungere Messina da Agrigento o da Marsala oppure Crotone da Reggio Calabria…E magari interrogarci su quanto ancora siano problematici i collegamenti ferroviari e stradali tra Roma e Reggio Calabria, per esempio. Senza dimenticare che in molte aree del Meridione non è possibile ancora collegarsi a internet: la proposta della politica non può essere soltanto quella di rilanciare un progetto vecchio di quarant’anni fa. In ottica Recovery Plan, il dibattito sulle infrastrutture utili per il paese deve ancorarsi al terzo millennio, non al secolo scorso. Tirare fuori il progetto del ponte è mera cantilena elettorale e al M5s non interessa.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.