Mar. Apr 20th, 2021

Riportiamo, qui, di seguito, una nota dei due esponenti della CGIL.

Attraverso la struttura nazionale, chiederemo un tavolo ministeriale sulla costruzione dei nuovi ospedali calabresi. A sostenerlo Endrio Minervino, Segretario Generale Fillea CGIL Reggio-Locri e Simone Celebre Segretario generale della Fillea CGIL Calabria e reggente  della Fillea di Gioia Tauro.

I due sindacalisti  in una nota riguardante il nuovo Ospedale di Palmi hanno scritto:

“Era il 3 ottobre del 2007 quando la conferenza dei Sindaci della Piana approvo’  un documento con richiesta alla Regione Calabria della necessita’ della nascita di un nosocomio per l’intera realta’ territoriale-

Il Presidente della Regione  Agazio  Loiero e la sua Giunta individuarono nella Citta’ di Palmi la sede idonea  da far nascere la struttura Ospedaliera.La somma prevista per il nuovo Ospedale fu di 156 milioni di euro , per 328 posti letto.

Nel 2011 il Governatore Giuseppe Scopelliti confermo’ questa scelta ma,a causa del debito sanitario, approvo ‘ un piano per la razionalizzazione delle strutture ospedaliere  che di fatto chiuse gli Ospedali ,lasciando in vita solo il Santa  Maria Ungheresi di Polistena.

Giusepe Scopelliti aveva assicurato che ad ottobre del 2012 si sarebbe aperto il cantiere.Tutto questo non avvenne e nel frattempo diversi furono gli ostacoli che impedirono la costruzione di questa struttura:la destinazione d’uso del terreno;il pericolo di rischio sismico;l’interdittiva antimafia che interesso’ l’impresa appaltatrice(Tecnis);le polemiche tra comuni.

Solo a maggio 2018 l’allora Presidente Mario Gerardo Oliverio, in visita in citta’, assicuro’ che da li a poco si sarebbe approvato il progetto definito  e si sarebbe istituito un tavolo tecnico presso la Regione Calabria.A distanza di tanti anni ancora non e’ stato approvato il progetto esecutivo e  la Governatrice Santelli, nomino’ i nuovi commissari straordinari per la costruzione dei nuovi Ospedali.

In data 29 Settembre la Fillea ha incontrato il Sindaco di Palmi Giuseppe Ranuccio per chiedere “il superamento degli ostacoli per far aprire il cantiere per dare risposte in termini occupazionale ai tanti lavoratori edili”.

Pochi giorni fa  si e’ finalmente tenuta la Conferenza dei Servizi del Nuovo Ospedale della Piana che si “e’ conclusa positivamente pero’ resta il problema della rimozione degli elettrodotti insistenti sul sito.”

Avevamo chiesto anche attraverso la CGIL regionale  un interlocuzione al commissario ad acta Longo sulla costruzione degli ospedali calabresi senza avere risposte. Crediamo che il commissariamento della sanità in Calabria sia in continuità e con gli stessi problemi di quelli passati.

E’ semplicemente scandaloso che si abbia previsto un anno di tempo(dopo i 13 anni sprecati) per la fine delle operazioni. Chiediamo che si vada spediti con la validazione del progetto definitivo,la redazione di quello esecutivo e subito la cantierizzazione. I tanti lavoratori edili disoccupati calabresi non possono piu’ aspettare !!!

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.