Mer. Apr 21st, 2021

Un paese incredulo e sgomento per la prematura scomparsa di Domenico Silvestri il carabiniere deceduto a Roma a causa del Covid-19. A Bivongi, dove l’appuntato scelto era conosciuto e stimato avendo sposato una ragazza del posto,  la notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno proprio nel giorno di Pasqua. Profondamente addolorati, oltre alla moglie e alle due figlie, anche i suoceri e i tanti amici della Vallata dello Stilaro che hanno  avuto modo di conoscere Domenico  quando, per molti anni,  ha prestato servizio nella stazione Carabinieri di Stilo. Il carabiniere insieme alla famiglia si era trasferito da qualche tempo a Roma, dove era addetto al Nucleo Scorte di Vermicino del Reparto Scorte Carabinieri della Banca d’Italia. In base al comunicato del comando generale dell’Arma dei Carabinieri Domenico Silvestri è deceduto a causa delle complicanze di una polmonite da coronavirus. Entrato nell’Arma nel 1990, il militare ha prestato servizio nei primi anni presso la Stazione Carabinieri di Pescorocchiano (Rieti), poi in quella di Campana, in provincia  di Cosenza,  quindi per un lungo periodo a Stilo e poi nella vicina Guardavalle, per essere, infine, trasferito presso il Comando Carabinieri della Banca d’Italia. “Silvestri  – riporta la nota – ha dedicato la propria vita al prossimo, al cittadino, a tutti coloro che erano in difficoltà e con profondo senso di responsabilità ha sempre svolto gli incarichi affidatigli con impegno e abnegazione. Sempre disponibile e legato ai valori, al dovere, all’Arma. Un militare che ha servito, con umiltà, ogni giorno il suo Paese, finché oggi il virus lo ha portato via. Aveva 49 anni. I colleghi tutti non dimenticheranno l’amicizia, l’impegno e la dedizione dell’App. Sc. Q.S. Domenico Silvestri.

Giorgio Metastasio

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.