Ven. Mag 7th, 2021

“Dopo decenni di onorato servizio, svolto con qualificata professionalità, con competenza, rigore e con ammirevole abnegazione, era proprio cosi necessario ed ineludibile il provvedimento, così radicale ed incomprensibile ai più, di licenziamento dei giornalisti addetti all’ufficio stampa del Consiglio Regionale? E ben consci che lo stesso avrebbe segnato l’avvio di un inevitabile contenzioso con l’Ente, a cui potranno e sapranno dare risposte certe e definitive solo giudici competenti e terzi?

Prudenza forse non poteva suggerire – soprattutto in questa fase – l’adozione di un atto meno netto e doloroso oggi per i giornalisti , ma che domani potrebbe esserlo per coloro che, a qualunque titolo, hanno contribuito a questa determinazione?

È quanto afferma Candeloro Imbalzano, già presidente della Commissione “Bilancio, Attività Produttive e Fondi Comunitari” d Consiglio Regionale.

“Se esterniamo questi nostri dubbi, e senza entrare nel merito tecnico giuridico della complessa questione, lo facciamo con la consapevolezza di aver conosciuto e sperimentato per cinque anni, durante la nostra esperienza in Consiglio, le rare qualità professionali dei giornalisti stessi, sempre impegnati, senza limiti di tempo, al servizio dell’istituzione .

Un provvedimento che ha colpito per la sua durezza e che poteva discendere da inoppugnabili certezze giuridiche, che sembrerebbero di là da venire”, continua l’ex consigliere regionale Candeloro Imbalzano.

“Ed è per queste nostre perplessità, che ci auguriamo che gli Organi del Consiglio che si occuperanno della vicenda, si accingano a farlo con equilibrio, serio approfondimento e la necessaria lucidità e competenza. Nella piena coscienza, che si è in presenza di una vicenda, tutt’altro che semplice, rispetto alla cui complessità è facile dedurre che le verità non sono così apodittiche e comunque non appartengono ad una sola parte in causa”, conclude Candeloro Imbalzano.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.