Mar. Mag 11th, 2021

“In merito alla campagna vaccinale e alla evoluzione epidemiologica c’e’ la massima attenzione sulle regioni Puglia e Calabria”

Mentre in città è scoppiata la protesta da parte di un gruppo di cittadini, che questa mattina è salito sul tetto dell’Azienda Ospedaliera, e nel pomeriggio ha anche occupato la sede Asp di via Alimena, la situazione di enorme difficoltà sanitaria della Calabria, ed in particolare nella provincia di Cosenza, è arrivata in Parlamento dove sono state presentate diverse interrogazioni al Ministro Speranza. “C’è la massima attenzione sulle regioni Puglia e Calabria da parte degli organi preposti alla gestione dell’emergenza” sia per quanto riguarda la Campagna di vaccinazioni che la situazione epidemiologica” ha detto il ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, rispondendo a un’interrogazione sulle iniziative relativa alla gestione dell’emergenza epidemiologica nelle due regioni presentata da Mauro D’Attis di Forza Italia. Nel corso dell’odierno question time D’Incà ha risposto per conto del ministro della Salute Speranza, impossibilitato a partecipare.

La situazione in provincia di Cosenza

In particolare, ha chiarito d’Incà, “con riferimento alle criticità segnalate nella regione Calabria e con specifico riferimento alla provincia di Cosenza – ha riferito – il Commissario ad acta nominato dal Governo riferisce che la direzione ospedaliera e la direzione dell’Azienda sanitaria provinciale hanno incrementato i posti letto Covid sia all’interno dell’HUB “Annunziata – Mariano Santo – S. Barbara” che negli Spoke di Rossano, Cetraro ed Acri. In particolare, presso il citato HUB ci è stato un incremento da 78 a 136 posti letto, mentre nei citati Spoke l’incremento è stato pari: a Rossano da 18 a 36 posti letto (6 posti letto in terapia sub intensiva), più 4 di terapia intensiva Covid; a Cetraro da 20 a 32 posti letto Covid; ad Acri da 16 a 20 posti letto Covid. Aggiungo che, presso lo Spoke di Rogliano, sono attivi 25 posti letto Covid, più 16 da attivare nel caso di estrema urgenza.

Vaccini e zona arancione

Sempre con riferimento alla regione Calabria – da questa settimana in zona arancione – “il Commissario straordinario per l’emergenza COVID ha riferito che, allo stato attuale, la somministrazione dei vaccini si attesta al 75,1 per cento delle dosi ricevute, mentre risulta sotto soglia per terapie intensive e ricoveri in area medica“.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.