Ven. Mag 14th, 2021

Il materiale utilizzato per la realizzazione della pista presso l’aeroporto di Pisa, nel sottofondo, e’ risultato contenere “keu”, una cenere da fanghi riciclato che “rappresentava una potenziale fonte di contaminazione”.

Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani rispondendo durante il question time alla Camera in relazione alla vicenda che ha avuto risvolti giudiziari nella provincia di Pisa, “l’operazione Keu” riguardante la gestione e lo smaltimento di rifiuti tossici in modo illecito con il coinvolgimento – secondo gli inquirenti – di una persona collegata alla’Ndrangheta. In particolare si tratta di ottomila tonnellate di keu, rifiuto prodotto dallo smaltimento delle concerie che sarebbe stato utilizzato in diversi lotti del territorio della provincia di Pisa. Il ministro ha fatto riferimento a quanto emerso dalle indagini, precisando che sono coperte dal segreto istruttorio, aggiungendo che un procedimento di bonifica, per una parte della lottizzazione adibita a viabilita’ di cantiere, “e’ stato avviato presso l’area Green Park nel Comune di Pontedera e si e’ attualmente in attesa della rimozione della fonte primaria di contaminazione e messa in sicurezza d’emergenza”.

Per quanto riguarda l’area “ex Vacis”, ha proseguito il ministro, i campionamenti relativi a riporti, terreni e acque sotterranee “sono risultati nei limiti”.

Solo in una zona ristretta dell’area “e’ emerso il superamento dei limiti per quanto riguarda l’antimonio e il cromo”. Il ministro ha ricordato che si tratta di rifiuti derivanti dal trattamento di fanghi prodotti della lavorazione di pelli animali presso un impianto di produzione di materiali riciclati che miscelati con altri inerti li classificava come materiali per l’edilizia.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.