Mer. Apr 21st, 2021

Contatti tra Francesco Viterbo, presunto affiliato alla ‘ndrangheta, e Antonio Iaquinta, cugino del padre dell’ex calciatore Vincenzo. Anche di questo oggi si è parlato in aula bunker a Torino alla ripresa del processo Fenice sulla presenza della criminalità organizzata in Piemonte. Èaccaduto durante la testimonianza di un maresciallo del Gico della Guardia di Finanza in relazione all’interessamento di Viterbo alla politica piemontese. Nel 2019 Antonio Iaquinta (che non è indagato) si candidò alle regionali con la lista Libertas UDC-Ppe e non fu eletto. Fu una delle diverse persone con cui Viterbo – condannato a 7 anni e 7 mesi nella parte del processo che si è svolta con il rito abbreviato – ebbe dei contatti. Il cugino, l’imprenditore Giuseppe Iaquinta, è stato condannato a Reggio Emilia nell’inchiesta di ‘ndrangheta chiamata Aemilia.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.