Ven. Mag 7th, 2021

“Esprimo grande soddisfazione per la mole di investimenti presenti nel PNRR per la Calabria, in particolare afferenti all’area ZES”. Lo afferma la sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci a margine dell’incontro telematico richiesto dal presidente ff della Regione Calabria Nino Spirlì, con Giacomo Aiello (Capo di Gabinetto del Ministero del Sud), Giuseppe Catalano (coordinatore Struttura Tecnica di Missione del Mims), Andrea Agostinelli (commissario straordinario dell’Autorità portuale di Gioia Tauro e della Calabria), Rosanna Nisticò (commissario straordinario della Zes Calabria), Domenica Catalfamo (assessore regionale alle Infrastrutture), Tommaso Calabrò (Dg della Presidenza della Regione), Maurizio Nicolai (Dg del Dipartimento Programmazione Unitaria della Regione). “Si tratta – prosegue – di ben 111,7 milioni con i quali saranno finanziati l’adeguamento dei moduli ferroviari agli standard europei, degli impianti di Sibari, San Pietro a Maida, Nocera Terinese e Rosarno, i raccordi stradali per l’accesso al porto di Gioia Tauro e numerose opere di urbanizzazione primaria all’interno dell’area portuale del più esteso terminal europeo. Ciò è stato possibile partendo dalla ferma volontà della Ministra Carfagna di destinare 630 milioni di euro del PNRR all’infrastrutturazione delle Zes nel Mezzogiorno. C’è poi il finanziamento per la nuova Stazione di San Ferdinando che passa da 24 a 60 milioni e viene collocato nella Missione 3 (Infrastrutture per una mobilità sostenibile) del PNRR. Missione che prevede, inoltre, un ingente investimento pari a 300 milioni per le opere strutturali e di elettrificazione della linea ferroviaria Jonica”. “Tutto questo è il segnale – conclude Nesci – che il cuore della ripresa economica batte a Sud”.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.