Gio. Ago 5th, 2021

A parlare sono i consulenti tecnici dello STUDIO PERITALE PITZIANTI con sede anche in Calabria (Caulonia RC). I professionisti sono impegnati nelle attività difensive di numerosi imputati nel processo Rinascita Scott che si sta celebrando nell’aula Bunker di Vibo Valentia, nel processo Imponimento (Anello Rocco), Autobomba a Limbadi, Six Towns (Giovanni Iaconis Spina) e tanti altri non solo in Calabria ma in tutta Italia.

Sono inutilizzabili i dati documentali e multimediali intercettati a mezzo di captatore informatico al di fuori dei luoghi consentiti dalla legge e che non arrivano direttamente ai server delle Procure.

Intercettazioni: il trojan un BOOMERANG per le Procure con atti alla mano diversi penalisti dimostreranno oggettivamente i luoghi di alcune aziende private che archiviavano i dati intercettati in luoghi diversi che nulla hanno a che vedere con i server ufficiali delle Procure nei quali solo in un secondo momento venivano riversati nelle memorie dei server delle Procure.

Lo Studio Peritale Pitzianti ha più volte sollevato il problema, ben prima del caso Palamara. Gli esperti hanno anche individuato intercettazioni con inoculazione dei Trojan i dati precedenti anche al decreto legislativo n. 216 del 2017 (c.d. riforma Orlando) fino a giungere al decreto-legge n. 161 del 2019, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 7 del 2020.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.