Dom. Giu 26th, 2022

L’attacco del presidente della Calabria al rappresentante degli Enti Locali del Pd sul campo di battaglia delle elezioni regionali

 Il presidente della Regione Calabria Nino Spirlì, non risparmia un colpo al rappresentante degli Enti Locali del Pd, sul tema delle prossime elezioni regionali. Francesco Boccia era sceso in Calabria la scorsa settimana per mediare alla crisi politica dopo il ritiro della candidatura a presidente di Nicola Irto.  Pace fatta nel partito democratico calabrese, ma non per il governatore calabrese che non abbassa l’ascia di guerra.

Francesco Boccia mi fa tenerezza. Mi piace considerarlo un amico, per poter essere tenero nel giudizio: è stato un pessimo ministro; trasparente, direi, per tonalità di colore. Nel timido pallido rossore di un partito in via di scolorimento, Boccia rappresenta, politicamente, la piccola presenza grigio-democristiana con mancanza affettiva di Andreotti. Dopo aver comprato un vecchio telaio in disarmo, ha ‘piccato’ di voler diventare tessitore, non avendone la manualità. In Calabria lascia pessimi ricordi: dall’impugnativa storica in poi. Oggi, sceglie di continuare a perdere: lotte, battaglie, tempo. Spreca uomini ed energie. Meglio farebbe ad allevare silenzi e coltivare pazienze. Anche per autopietà: quel regalo che, a volte, salva vite, a volte, carriere. #senzarancori”. Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Calabria e leghista Nino Spirlì.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI