Dom. Lug 3rd, 2022

Bombe d’acqua si abbattono su territorio fragile

di Raffaella Silvestro

 

L’ arrivo dei temporali fa salire il

conto dei danni nelle campagne in un territorio duramente

provato dal caldo e dalla siccità che ha seccato la terra,

scottato la frutta e la verdura, impoverito i raccolti nei campi

arsi dal sole o andati a fuoco per gli incendi. E’ quanto

afferma la Coldiretti in riferimento all’allerta meteo della

Protezione civile in cinque regioni del centro nord.

I cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più

intense e frequenti e vere e proprie bombe d’acqua si abbattono

su un territorio reso più fragile dalla cementificazione e

dall’abbandono e il risultato è che 7252 i comuni italiani, il

91,3% del totale, sono a rischio frane e/o alluvioni. Sono le

conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l’eccezionalità

degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla

tropicalizzazione che si manifesta una più elevata frequenza di

manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni

brevi e intense. Nonostante i cambiamenti climatici, sottolinea

infine la Coldiretti, l’Italia resta un Paese piovoso con circa

300 miliardi di metri cubi d’acqua che cadono annualmente, ma

per le carenze infrastrutturali se ne trattiene solo l’11%.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI