Mer. Ott 27th, 2021

“Ottime notizie continuano a giungere dal Porto di Gioia Tauro ormai in grado di assicurare l’ingresso delle più grandi portacontainer al mondo anche nelle ore notturne ed in piena sicurezza nonostante la visibilità ridotta, grazie ad un sistema di ultima generazione che rileva e gestisce i dati relativi alla corrente, all’altezza delle onde, alla marea e ai dati metereologici.

L’incontro  del Presidente Conte dopodomani a Gioia Tauro con i cittadini e i portuali, in particolare, davanti al Gate, luogo simbolo di tante battaglie dei lavoratori, è molto importante perché conferma l’interesse del M5S per lo scalo gioiese.

Il rilancio del porto con poderosi investimenti sta portando risultati sorprendenti e sotto gli occhi di tutti: il Porto di Gioia Tauro oggi è il primo scalo di transhipment d’Italia, operativo 24 ore su 24, permettendo l’ormeggio senza sosta e assicurando il trasbordo container anche a tre mega navi contemporaneamente. Tutto questo è frutto di un grande lavoro svolto con leale spirito di gruppo, con costanza e impegno dall’inizio della legislatura insieme al Premier Conte.

Fin dal 2018 al lavoro con il Governo sulle problematiche inerenti al porto, grazie al premuroso interesse dimostrato fin da subito dall’ex Ministro Toninelli (recatosi più volte a Gioia Tauro) e grazie all’attenzione dell’allora Presidente del Consiglio Conte, insieme all’allora Commissario Agostinelli, (oggi Presidente dell’Autorità Portuale), abbiamo fatto in modo che il porto esprimesse quel potenziale enorme che ho intravisto fin da subito, appena eletto” afferma il Senatore reggino del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Auddino, che da anni si occupa con successo del Porto di Gioia Tauro.

“Abbiamo rilanciato la realtà portuale con un trend in continua crescita nonostante l’emergenza sanitaria in atto – aggiunge il senatore. Il nuovo Rapporto 2021 ‘Italian Maritime Economy’ Di SRM (Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo), che ha analizzato gli impatti della pandemia sull’economia marittima, attesta che il Porto di Gioia Tauro durante la pandemia ha mostrato una spiccata resilienza rispetto ad altri porti registrando nel 2020 un’impennata dei volumi di traffico.

Lo scalo gioiese nel corso del 2020, nonostante il lockdown, ha registrato un aumento dei volumi del +26% rispetto al 2019, con un traffico di container di oltre 3 milioni. Grazie principalmente all’ottima performance di Gioia Tauro, nel primo trimestre 2021, l’import – export via mare ha registrato un incremento del +3%. Ciò dimostra che la Calabria può contribuire, davvero, alla crescita dell’intero Mezzogiorno e che il motore di sviluppo del sistema economico calabrese ha la sua centralità nella infrastruttura portuale di Gioia Tauro, come sostengo da sempre.

I risultati sono sorprendenti e non posso che essere soddisfatto ed orgoglioso del lavoro svolto fin qui. Continuerò a lavorare ed a mantenere alta l’attenzione sul Porto perché sono convinto che da qui passino delle ottime chanches di sviluppo per la Calabria, per il Meridione e per tutto il Paese” conclude Auddino.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.