Mar. Dic 7th, 2021

 Per conoscere la composizione del consiglio comunale si dovrà attendere il ballottaggio soprattutto perchè giocherà anche il premio di maggioranza che prevede l’attribuzione del 60% dei consiglieri alla coalizione vincitrice. Quindi chi vincerà si assicurerà dieci consiglieri mentre i rimanenti sei toccheranno alla minoranza. Sulla base, intanto, dei risultati ottenuti dalle varie liste , e tenendo presente che quella di Antonio Sgambelluri ( Comunisti Uniti) e quelle di Antonio Cutugno ( Noi per Siderno e Corriamo insieme) non hanno totalizzato il quorum necessario per essere rappresentati in consiglio, in qualche modo si possono indicare solo alcuni dei nomi dei probabili futuri consiglieri. La lista di Stefano Archinà, che non parteciperà al ballottagio , se vince Maria Teresa Fragomeni dovrebbe essere rappresentata in consiglio da tre consiglieri uno dei quali è il candidato a sindaco. Quindi i rappresentanti della lista “Siderno 2030” sarebbero lo stesso Stefano Archinà e i consiglieri che hanno totalizzato il maggior numero di voti ovvero Massimo Diano che ha avuto un vero e proprio exploit con i suoi 524 voti risultando il candidato che ha totalizzato il maggior numero di voti di tutte le liste e Domenico Sorace che ha totalizzato 462 voti precedendo Paola Albanese ( 319 voti) che comunque ha avuto un ottimo risultato personale. Se non vince Maria Teresa Fragomeni sarebbe, invece tutto da rifare Nella coalizione di centrodestra guidata da Domenico Barranca, in caso di sconfitta,sarebbe data per scontata la elezioni di Aldo Caccamo, che ha totalizzato 297 voti mentre rimarrebbe in bilico, quella di Domenico Catalano che lo segue a ruota con 287 voti.

In questo caso siederebbe, ovviamente, in consiglio comunale anche il candidato a sindaco Domenico Barranca. Se invece dovesse vincerà Barranca il numero dei candidati eletti salirebbe notevolmente superiore per arrivare appunto a dieci e andrebbero ricercati in quelli che hanno ottenuto il maggior numero di voti nella lista “La nostra Missione- Barranca sindaco” Per quanto riguarda il Pd, in caso di vittoria quelli certi dovrebbero essere Alessandro Archinà ( exploit anche per lui con 485 voti ) nonchè Vittoria Luciano ( 435), Davide Lurasco (405), Anna Maria Felicità ( 292), Giusy Massara ( 282) della lista Pd e Francesca Lo Presti( 216) Fabrizio Figliomeni(203) con Maria Elvira Brancati (180) che segue a ruota della lista Ripartiamo da Siderno. Se la coalizione,invece, dovesse perdere cambierebbe tutto e si dovrebbe fare un calcolo particolare per verificare il numero di consiglieri che spetterebbero alla coalizione ( probabilmente quattro ) ovvero la candidata a sindaco Maria Teresa Fragomeni più i candidati che hanno preso il maggior numero delle due liste. C’è anche da aggiungere che la maggior parte dei futuri consiglieri comunali, nell’un caso o nell’altro, sono giovani e al loro primo mandato amministrativo. A parte i candidati a sindaco, infatti, tutti e tre ex consiglieri, dei papabili hanno già rivestito l’importante carica solo Aldo Caccamo, e Alessandro Archinà. Un consiglio comunale, insomma, fatto prevalentemente da giovani. Il che non guasta.

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.