Mer. Giu 29th, 2022

Le fibrillazioni di Neri e Montuoro, contro il “loro” Assessore Regionale, Pietropaolo verso cui minacciano la sfiducia in Aula; le diatanze nei confronti dei due Consiglieri Regionali “ribelli”; la non dissimulata sospettosità verso la Consigliera Regionale De Francesco, sempre da una parte di FdI.
E poi gli affanni degli eletti di Forza Azzurri (la lista del Presidente Occhiuto) e soprattutto quelli di Coraggio Italia che non trova adeguati spazi di rappresentanza politica né in Giunta, né negli organigrammi del Consiglio Regionale, che si riunirà per la seduta inaugurale lunedì 15 Novembre
A ciò si aggiunge che Forza Italia catanzarese si ritrova in conflitto con il Coordinatore Regionale Mangialavori che è riuscito ad imporre i suoi eletti (uno dei quali vibonese come lui) nel collegio Centro della Calabria, di cui fa parte proprio Catanzaro e a discapito della città capoluogo di Regione.
Per non parlare dell’agonia dell’UdC, che si ritrova a malapena con un Consigliere Regionale, dato già in uscita e delle perplessità di parte della stessa maggioranza Lega compresa, circa l’elezione del Leghista Filippo Mancuso a Presidente del Consiglio Regionale, dopo essere stato destinatario di una richiesta di rinvio a giudizio per la “Gettonopoli” del Comune di cui era, in precedenza, Consigliere Comunale.

(In foto Francesco De Nisi consigliere regionale della Calabria)

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI