Dom. Feb 5th, 2023

Due ergastoli e due condanne a 20 e 12 anni di reclusione: sono le richieste fatte dal sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Andrea Mancuso, nel processo in corso a Catanzaro, in Corte d’assise, a carico dei presunti responsabili dell’omicidio del biologo Matteo Vinci, di 42 anni, e del ferimento del padre, Francesco, di 70, investiti dallo scoppio, azionato con un radiocomando, di una bomba collocata sotto l’automobile sulla quale stavano viaggiando.

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

L’attentato fu compiuto a Limbadi, nel vibonese, il 9 aprile del 2018.

Il carcere a vita é stato chiesto per Rosaria Mancuso, di 64 anni, e per il genero della donna, Vito Barbara, di 28, accusati di essere stati i mandanti dell’attentato.
La richiesta della condanna a 20 anni riguarda Domenico Di Grillo, di 72 anni, marito di Rosaria Mancuso, accusato del tentato omicidio di Francesco Vinci, avvenuto nel 2017. Vinci, in quell’occasione, fu vittima di un pestaggio a causa del quale subì la frattura della mandibola. Dodici anni di carcere, infine, sono stati chiesti per Lucia Di Grillo, di 32 anni, figlia di Domenico Di Grillo e Rosaria Mancuso e moglie di Vito Barbara, accusata di lesioni personali ai danni di Francesco Vinci e della moglie Rosaria Scarpulla, vittime di un’aggressione nel 2014.
Le vessazioni ai danni dei Vinci, culminate con l’omicidio di Matteo Vinci, sarebbero da collegare, secondo l’accusa, al loro rifiuto a cedere un loro terreno alle famiglie Mancuso e Di Grillo. La famiglia Vinci non si é mai piegata, però, alle pressioni subite, promuovendo anche dei procedimenti giudiziari in sede civile e penale, ed attirandosi così, sempre a detta dell’accusa, i propositi di vendetta da parte dei rivali.

Facebook Comments
14 Views
Print Friendly, PDF & Email