Sab. Ago 20th, 2022

La forza della musica, della cultura e l’autentico valore delle emozioni non conosce confini “mentali”, geografici o generazionali. La celebre band “Le Vibrazioni”, attraverso le pagine social ufficiali presenti su Facebook e su Instagram, ha ringraziato gli studenti dei Licei “G. Mazzini” di Locri, Bruno Panuzzo e Martina Zito per la citazione riportata all’interno dell’opera letteraria “Nautilus”. Nel breve, ma significativo messaggio si legge: “Grazie ancora a Bruno Panuzzo, Martina Zito ed a tutti gli studenti dei Licei “G. Mazzini” di Locri per la citazione sul loro libro/ video #Nautilus”.

Ma facciamo un doveroso passo indietro per capire a cosa si riferisce il noto gruppo musicale. Tra il mese di gennaio e l’inizio di febbraio del 2020, proprio in piena prima ondata Covid, i ragazzi del Mazzini realizzano, sotto le direttive e la musica di Bruno Panuzzo, il significativo video “Milano”. L’opera filmica, nata con altri scopi, in quel particolare periodo diventa un omaggio non solo alla città di Milano, ma anche alla regione più martoriata dalla pandemia e a tutti gli artisti del capoluogo Lombardo, che come la band “Le Vibrazioni” avevano esportato, con il loro estro creativo, l’essenza più pura di quel territorio così unico.

Grazie a Massimiliano Vigilante, collaboratore della band, il video “Milano” finisce sulle pagine social delle Vibrazioni, acquisendo ancora più visibilità. Anche il chitarrista del gruppo, Stefano Verderi, ha espresso tutto il suo apprezzamento per il lavoro svolto dai ragazzi del Mazzini, salutandoli calorosamente durante una diretta sul suo profilo Instagram.

L’iniziativa dei ragazzi, però, non si è fermata solo ai social, ma si è spinta fino ai vertici dello Stato: è piaciuta talmente tanto che, sia il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che l’allora Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, hanno ringraziato gli studenti del Mazzini e l’artista Bruno Panuzzo per il significativo messaggio sociale e per il lavoro semplice, profondo e significativo sviluppato in un periodo delicato e particolare.

Il video “Milano” ha rappresentato, quindi, il punto di partenza del successivo progetto “Nautilus”, la cui storia si sviluppa proprio dai famosissimi Navigli meneghini – che anche grazie al videoclip “Dedicato a te” delle Vibrazioni sono entrati nell’immaginario collettivo dei giovani dei primi anni 2000 – .

Da quel racconto si sviluppa un film breve che influenzerà, a sua volta, la realizzazione dell’opera letteraria vera e propria denominata “Nautilus”. Dopo oltre un anno da “Milano” il cerchio si è finalmente chiuso: una copia del digital Book Box degli studenti del Mazzini giunge finalmente in Lombardia, ancora una volta grazie all’intervento di Massimiliano Vigilante che, con il suo tocco magico, ha reso possibile questo scambio di doni tra la band lombarda e un gruppo di studenti di Locri.

Proprio nel momento in cui ci è impedita ogni forma di contatto fisico, Le Vibrazioni hanno idealmente “abbracciato” i ragazzi di Locri per quanto di bello hanno da loro ricevuto, dimostrando ancora una volta tutta la sensibilità che, da sempre, diffondono con la loro musica.

Chiudiamo con le parole di Bruno Panuzzo, che, su Facebook ringrazia con il seguente commento: “Queste sono le cose che non ti aspetti, le cose belle, le piccole grandi emozioni che ti fanno capire di aver compiuto la cosa giusta! Grazie di cuore a Voi per questa bellissima opportunità di crescita che avete dato, oltre che ai ragazzi, anche a tutti noi! Grazie Vibrazioni, grazie Stefano e grazie di cuore Massimiliano”. A noi non rimane che attendere la presentazione ufficiale di “Nautilus” che avrà luogo a Locri il prossimo 17 dicembre.

Maria Antonietta Reale | redazione@telemia.it

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI