Lun. Feb 6th, 2023


Un collaboratore di giustizia di Reggio Calabria si sarebbe allontanato dallablocalità protetta dove si trovava. Si tratta di Francesco
Labate, 40 anni detto “Checco”, coinvolto nell’operazione “Metameria” contro la cosca Barreca.
La notizia è stata pubblicata sulla pagina facebook del
massmediologo Klaus Davi secondo cui il pentito “avrebbe fatto perdere le sue tracce dopo aver dichiarato di voler ritrattare tutte le accuse fatte nei verbali riempiti davanti ai magistrati
della Dda di Reggio Calabria”. Stando a quanto sostiene Davi, il collaboratore Labate avrebbe inviato anche un video alla moglie per spiegare la sua scelta e una lettera al suocero, il boss ergastolano Filippo Barreca.
Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Reggio Calabria non rilascia alcuna dichiarazione. Dai primi accertamenti investigativi, però, sembrerebbe che il pentito effettivamente abbia fatto perdere le sue tracce e si sia allontanato dalla località protetta senza comunicarlo al Servizio centrale di
protezione. Sarebbero stati avviati degli accertamenti perbverificare se questo è avvenuto in maniera volontaria o se cibsia stata una costrizione da parte di qualcuno.
Nessuna conferma, anche, sull’esistenza del video inviato alla moglie e della lettera spedita al boss Filippo Barreca del quale, secondo i pm della Dda Stefano Musolino e Walter ignazitto che hanno coordinato le indagini “Metameria”, Checco
Labate sarebbe stato “l’ambasciatore” sul territorio deputato “alla gestione della raccolta estorsiva” con il compito di commettere “danneggiamenti e intimidazioni nei confronti degli
imprenditori e dei commercianti che non ottemperavano allebrichieste della cosca”. (ANSA).

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

Facebook Comments
10 Views
Print Friendly, PDF & Email