Mar. Ago 9th, 2022

La Direzione Investigativa Antimafia, con apposito decreto emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Trapani, ha dato esecuzione alla confisca di beni nei confronti di una famiglia di imprenditori nel settore agricolo di San Giuseppe Jato (PA).

Il citato provvedimento consegue al sequestro operato nel 2019 a seguito di una proposta di misura di prevenzione avanzata, nei confronti degli stessi, dal Direttore della DIA.

Il Tribunale della Prevenzione di Trapani, a seguito delle risultanze investigative operate dagli investigatori, corroborate anche dall’importante contributo di alcuni collaboratori di giustizia, ha ritenuto sussistere un adeguato compendio indiziario che ha consentito di accertare, a carico dei proposti, un giudizio di pericolosità sociale di tipo “qualificato” includendo gli stessi nelle categorie degli indiziati di appartenere all’associazione di tipo mafioso di cui all’art. 416 bis c.p.. Tale connotazione si è rilevata da una grossa operazione finalizzata alla speculazione immobiliare attraverso l’acquisto, in un’asta giudiziaria, di una vasta tenuta agricola e la successiva rivendita alla società agricola riconducibile agli imprenditori di San Giuseppe Jato.

Il provvedimento ha disposto la confisca dell’intero compendio di una azienda agricola che si occupa di coltivazione di uva, costituito da beni strumentali sia immobili (ubicati nel territorio di Santa Ninfa tra cui un terreno di oltre 60 ettari) che mobili registrati, oltre che partecipazioni, depositi e conti correnti bancari. Il valore complessivo dei beni confiscati ammonta ad oltre 1,5 milioni di euro.

L’odierno risultato si inserisce nell’ambito delle attività Istituzionali finalizzate all’aggressione delle illecite ricchezze acquisite e riconducibili, direttamente o indirettamente, a contesti delinquenziali, agendo così a tutela e salvaguardia della parte sana del tessuto economico nazionale.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI