Sab. Feb 4th, 2023

Menzioni speciali a 30 “Ospedali amici del perineo”

Continua dopo la pubblicità...


MCDONALDAPP
InnovusTelemia
stylearredamentiNEW
E120917A-0A80-457A-9EEE-035CEFEE319A
FEDERICOPUBB
previous arrow
next arrow

Salgono a 354 gli ospedali italiani

“Amici delle donne”, impegnati, cioè, nella promozione della

medicina di genere. Un’attenzione premiata, ogni anno, con

l’assegnazione del “Bollino Rosa” della Fondazione Onda,

l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

La Lombardia detiene anche quest’anno il numero più alto di

ospedali con “Bollino Rosa”: 75.

Rispetto al biennio precedente gli ospedali premiati sono

aumentati: da 335 a 354. Oltre alla crescita numerica, si

assiste a un miglioramento qualitativo dei servizi erogati: gli

ospedali che hanno ottenuto il massimo riconoscimento (tre

bollini) sono passati da 96 dello scorso Bando a 107 di questa

edizione; 172 strutture hanno conseguito due bollini e 75 un

bollino.

Quest’anno Onda ha poi rivolto una particolare attenzione al

tema delle lesioni perineali durante il parto che, spiega la

Fondazione, “riguardano circa l’85% delle donne che

partoriscono, con il 3% che riporta lesioni perineali di III o

IV grado che coinvolgono anche lo sfintere anale”.

Per sensibilizzare sul tema, quest’anno Onda ha deciso di

assegnare delle menzioni speciali”agli “Ospedali amici del

Perineo”, ovvero 30 strutture che si distinguono per l’impegno

nel campo della prevenzione e nella gestione del trauma

perineale correlato all’evento nascita. Anche in questo caso la

Regione con il numero di alto di strutture premiate è la

Lombardia, con 7 “Ospedali amici del Perineo”.

“Il nuovo riconoscimento da parte di Onda – ha commentato

Claudio Crescini, vicepresidente Aogoi, Associazione Ostetrici

Ginecologi Ospedalieri Italiani – non è soltanto una

certificazione di merito ma è uno stimolo per tutti gli

operatori a realizzare quanto la ricerca scientifica e la

clinica suggeriscono di fare per la protezione del perineo

prima, durante e dopo il parto”.

Facebook Comments
10 Views
Print Friendly, PDF & Email