Mer. Lug 6th, 2022
Featured Video Play Icon

Rabbia e indignazione stamane a Catanzaro, il capoluogo regionale calabrese si è svegliato con la notizia di un raid notturno in cui sono stati vandalizzati, con inaudita e inspiegabile violenza, due istituti scolastici del centro città.

Gli stessi istituti sono l’istituto comprensivo statale “Pascoli-Aldisio” sito in “Via Mario Greco” e la scuola media pubblica “G. Patari” sita in “via Daniele Antonio”.

I danni più ingenti sono stati arrecati alle sale computer, agli arredi generici dei due istituti e non sono stati risparmiati nemmeno gli arredi natalizi, completamente divelti e che oggi il personale ATA avrebbero riposto dopo la conclusione delle festività natalizie .

Proprio i componenti del personale ATA hanno allertato la Polizia, gli agenti si trovano sui luoghi dello spiacevole accaduto per le indagini di rito.

Durante i sopralluoghi effettuati dalla polizia di Stato, si è potuto constatare che nell’istituto Alvisio, l’entrata dei criminali per effettuare tale raid è stata effettuata tramite la forzatura della porta principale di ingresso.
Nello stesso istituto sono stati arrecati gravi danni anche ai libri destinati ai piccoli alunni, agli estintori e non sono state risparmiate nemmeno le classi in cui i bambini normalmente svolgono lezione.
Alcune sono state completamente chiuse, i malviventi hanno portato via le chiavi non permettendo l’accesso per i controlli del caso, per questo sono stati allertati i vigili del fuoco, altre sono state completamente allagate e per questo si temono ripercussioni per la sicurezza dei due siti scolastici e del loro impianto elettrico.

Profondo dispiacere è stato esternato da uno dei due dirigenti degli istituti e da tutta la comunità Catanzarese, per ora sono stati istituti 3 giorni di chiusura ma sono preventivati maggiori giorni di stop alla frequenza in presenza per via dell’ingente quantità di disagio materiale e morale arrecato dai criminali che si sono macchiati di questo ignobile gesto.

Colpire la scuola pubblica, i luoghi che segnano e che sono decisivi per il futuro dei nostri bambini e dei bambini in genere, è un’azione indegna.

Speriamo che la Polizia di Stato (coadiuvata dalla polizia scientifica presente in loco) possano ben agire per assicurare gli autori dei due raid alla legge.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI