Ven. Mag 27th, 2022

Avevano strutturato una rete, attiva soprattutto nel centro storico di Crotone e organizzata in forma piramidale, all’interno della quale i componenti avevano ruoli e competenze specifiche per procurarsi e smerciare al dettaglio ingenti quantitativi di cocaina, eroina, hashish e marijuana. Sono 13 le persone – 11 finite in carcere, una ai domiciliari e due obblighi di dimora – destinatarie di un’ordinanza emessa dal Gip di Catanzaro su richiesta della Dda eseguita dalla Squadra mobile di Crotone. I reati contestati a vario titolo sono l’associazione finalizzata all’acquisto, la detenzione, il trasporto, la cessione e la vendita di sostanze stupefacenti e in alcuni casi, di spaccio e detenzione. Gli investigatori, attraverso intercettazioni telefoniche, ambientali e video, hanno disarticolato un gruppo che operava in città, con particolare riferimento al centro storico, sfruttando un contesto urbano costituito da abitazioni e antiche costruzioni che danno vita ad un dedalo di vicoli quasi impenetrabile. All’interno di questa realtà era stata predisposta la rete di spaccio i cui profitti confluivano in una cassa comune e successivamente venivano distribuiti tra i soggetti apicali mentre ad altre figure coinvolte veniva assicurato un compenso. Durante l’attività investigativa sono state effettuate perquisizioni e sequestri di sostanza stupefacente, anche nei confronti di assuntori ai quali, di volta in volta, veniva sequestrato lo stupefacente acquistato in uno dei tre 3 di spaccio dove è stato documentato un continuo andirivieni di persone a qualsiasi ora del giorno. E’ emerso anche che il gruppo era dedito alla coltivazione di marijuana in terreni alla periferia della città dove sono stati attuati anche dei sequestri di piantagioni. All’operazione compiuta all’alba di oggi hanno partecipato un centinaio di uomini e donne della Polizia di Stato, appartenenti alla Squadra Mobile di Crotone in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza, Vibo Valentia e Siderno e delle Unità cinofile di Vibo Valentia.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI