Sab. Mag 28th, 2022

Le parole sono di Noemi Amato, infermiera pediatrica, iscritta all’Opi Catanzaro (Ordine delle Professioni Infermieristiche), in attesa di un contratto per iniziare a prestare servizio agli hub vaccinali.

«Si tratta di un problema fondamentale – aggiunge la professionista assieme anche a nome di alcune colleghe -. Uno dei tanti che riguardano gli infermieri pediatrici e dal quale poi ne scaturiscono altri.

Sin dai tempi in cui frequentiamo l’università ci viene evidenziato e ribadito più volte come la scelta che stiamo intraprendendo non sia la migliore, perché la Facoltà di Infermieristica Pediatrica non offre molti sbocchi professionali e il lavoro è quasi inesistente.

Una volta laureati, almeno al sud, le opportunità lavorative latitano anche per via del fatto che le strutture private disposte ad assumere infermieri pediatrici sono in numero limitato e, purtroppo, tutte dislocate al nord Italia.

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI