Sab. Mag 28th, 2022
Featured Video Play Icon

Confermato per oggi lo sciopero delle lavoratrici della cooperativa “Athena Service” che effettuano il servizio di pulizie dell’ospedale di Locri. È infatti fallito l’incontro da remoto che si è svolto ieri convocato dal prefetto Massimo Mariani, per verificare se ci fossero le condizioni per dare risposte positive alle richieste delle lavoratrici. Inoltre la delegazione sindacale, poiché per il futuro la situazione si annuncia preoccupante ha annunciato al prefetto che «a partire dall’8 febbraio 2022, qualora non dovessero esserci notizie positive sul pagamento delle mensilità arretrate e la garanzia che gli stipendi siano corrisposti mensilmente, sarà proclamato lo sciopero a oltranza». «Il fallimento della mediazione prefettizia – ha spiegato il dirigente della Uil-Fpl, Micheli Firmo – è dovuto al fatto che, come temevamo, non è giunta nessuna risposta positiva alle lavoratrici, che si limitavano a chiedere il pagamento delle mensilità arretrate che non ricevono da ottobre 2021, e di avere la garanzia che, da adesso in poi, avrebbero percepito, come è naturale che sia, mensilmente la retribuzione spettante. Desiderano inoltre sapere se siano stati effettuati all’Inps i versamenti previdenziali dovuti. Purtroppo si è dovuto constatare che nessuna di queste richieste è stata accolta».

All’incontro presieduto dalla dirigente prefettizia Iannò hanno partecipato il rappresentante dei curatori fallimentari Sergio Labozzetta, il presidente della coop-madre, la “Coop Service”, Ettore Lacopo, e i rappresentanti della cooperativa “Nosside” Maria Polito, della coop “Athena service”, Rosanna Ieritano e il delegato sindacale Micheli Firmo. Si sono invece registrate due fondamentali assenze: quella del commissario dell’Asp reggina, Gianluigi Scaffidi e quella del rappresentante della cooperativa capofila “Helios” che nel 2016 ha subappaltato alla “Athena” il servizio di pulizia. «La loro assenza, soprattutto quella del commissario dell’Asp – ha evidenziato Labozzetta – rende l’incontro monco . Nel corso dell’incontro è stato comunicato che lo scorso 28 dicembre 2021 l’Asp ha effettuato la determina 1766 con la quale ha assegnato alla coop capofila “Helios” la somma di 1 milione 171 mila euro, accreditata appena due giorni fa, il 25 gennaio 2022. È una cifra parziale e non legittimamente soddisfattiva delle legittime pretese creditorie fatturate dalle aziende».

Mentre il presidente della “Coop Service”, Lacopo ha spiegato che per garantire i pagamenti puntuali delle mensilità ai lavoratori e per soddisfare il pagamento ai fornitori ad ogni coop necessita ogni mese la somma di 80 mila euro, mentre con l’accredito del 25 gennaio alle coop Athena e Nosside saranno canalizzati a ognuna di loro soltanto 70 mila euro, con cui «potranno pagare soltanto una delle mensilità arretrate».

«Lo sciopero garantirà comunque – ha precisato il delegato sindacale – le urgenze dal momento che le lavoratrici, che presiederanno l’ingresso del nosocomio, si sono dichiarate disponibili ad intervenire».

Facebook Comments
CHIUDI
CHIUDI