Mar. Dic 6th, 2022
Featured Video Play Icon

Il popolare attore in scena sul palco dell’auditorium “Frammartino” in una rilettura in chiave moderna dell’opera di Pirandello

Un uomo che riesce a vivere due vite diverse. È il riassunto molto semplificato de ‘Il fu Mattia Pascal’, la commedia pirandelliana per eccellenza. Uno spettacolo teatrale che analizza un lato tanto complesso dell’essere umano, interpretato da Giorgio Marchesi, attore di grande esperienza e di rinomato talento. Il dramma di Mattia Pascal/Adriano Meis ha fatto registrare il tutto esaurito all’auditorium “Frammartino” di Caulonia Marina, inserito nella stagione teatrale di AMA Calabria, ideata e diretta da Francescantonio Pollice.

Testo tra i più famosi di Luigi Pirandello‘Il fu Mattia Pascal’ analizza con amara ironia il dramma di un uomo che non è più sé stesso, è qualcun altro (Adriano Meis), almeno fin quando non sente la nostalgia di tornare alle origini, alla sua vita primaria. Giorgio Marchesi, un po’ come Mattia Pascal, in questo spettacolo ha una doppia identità: attore protagonista da un lato e regista in collaborazione con Simonetta Solder dall’altro.

Temi attuali come la solitudine, la crisi d’identità e la rinascita del proprio io sono tasselli che vanno a completare l’intricato mosaico dell’animo umano. Sfumature che Giorgio Marchesi ha analizzato in chiave più ironica, più leggera, tale da poter coinvolgere maggiormente il pubblico.

Lo spettacolo è stato arricchito dalla musica dal vivo eseguita da Giacomo Rossi, oltre ai contributi video di Simone Salvatore che hanno reso l’intera scena teatrale sempre più moderna. Uno spettacolo che abbraccia ogni forma d’arte, dalla recitazione alla musica, usando come collante il genio di Pirandello e la sua capacità di addentrarsi tra le pieghe dell’anima.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email