Gio. Ago 11th, 2022

“Il Gip ha dato atto che la società (GCF, ndr) ed i suoi vertici hanno avuto un comportamento corretto e, anzi, sono stati anche oggetto di ritorsioni e furti”: il gruppo Rossi lo sottolinea in una nota dopo l’arresto di 15 persone, alcune legate alle cosche Nicoscia-Arena di Isola di Capo Rizzuto, avvenuti ieri nell’ambito di una inchiesta della Dda di Milano su infiltrazioni della ‘ndrangheta nelle costruzioni e manutenzioni delle linee ferroviarie, aggiungendo che “la GCF tutelerà nelle opportune sedi la diffusione di notizie che non rispecchiano il tenore del provvedimento del giudice”. “In riferimento alle notizie di stampa inerenti il coinvolgimento della GCF – Generale Costruzioni Ferroviarie in una operazione di polizia che ipotizzerebbe l’appartenenza dei vertici della società stessa ad un sodalizio criminoso, il Gruppo Rossi rileva come sia stato lo stesso Gip del Tribunale di Milano – si legge nel comunicato – a smentire gli assunti accusatori della Procura ritenendoli insussistenti”. “Afferma infatti il Gip, con argomentazioni puntuali: ‘Nel merito si osserva che questo giudice ha ritenuto insussistenti in capo ai legali rappresentanti di quelle società gravi indizi di colpevolezza dei reati di associazione a delinquere (capo1), sfruttamento della manodopera (capo 31) e auto riciclaggio (capo 32) per le ragioni illustrate nei capitoli precedenti’. Conseguentemente, prosegue il Giudice stesso nella propria ordinanza (pag. 350) ‘non può essere ritenuto sussistente l’illecito amministrativo contestato alle rispettive società'”. E anzi “ancora il Gip, a pag 307, dà atto come la stessa società GCF abbia ‘allontanato gli operai ed i soggetti coinvolti nelle indagini dai propri cantieri, dando così prova della inconciliabilità dei comportamenti con un possibile coinvolgimento’. In forza di tali considerazioni il Giudice ha conseguentemente rigettato le richieste della Procura della Repubblica” ricordano dal gruppo Rossi. E “per quanto concerne alcuni sequestri, disposti per ipotesi residuali tributarie, la Direzione GCF annuncia che si avvarrà della facoltà di difesa nelle opportune sedi”.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email
CHIUDI
CHIUDI